UGC e link sponsorizzati: quando dovresti usarli?

SEO
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Se sei interessato alle strategie SEO, UGC e link sponsorizzati sono uno degli elementi di cui dovresti prestare molta attenzione. Oggi, le regole del gioco nella SEO cambiano costantemente.

Ogni anno ci sono molti aggiornamenti che influenzano le ricerche degli utenti. E questo costringe qualsiasi brand a essere consapevole di ogni cambiamento che viene apportato. In questo modo il posizionamento dei tuoi progetti non sarà in pericolo e non ne risentirà.

Dal 1 marzo sono entrate in gioco nuove regole, alcune delle quali sono dedicate a regolamentare la creazione di collegamenti e tecniche di costruzione di collegamenti.

In precedenza, quando si creavano collegamenti ben fatti in termini di SEO, si utilizzavano due attributi specifici del codice html: “follow” e “nofollow”. Questi tag avevano il compito di dire a Google se il collegamento doveva essere preso in considerazione o meno.

A cosa servono gli attributi nei collegamenti

UGC e link sponsorizzati
Gli attributi follow e nofollow vengono utilizzati principalmente con l’intenzione di rendere molto più semplice per Google la comprensione del profilo del collegamento. In questo modo saprai se i tuoi collegamenti sono naturali o meno.

Tuttavia, al momento tutto ciò non è sufficiente. E ora per raccogliere più dati dal tuo profilo dovrai prendere decisioni migliori. Quali sono quelle che definiranno la posizione che meriti agli occhi di Google?

Quindi sono stati aggiunti nuovi attributi: UGC e link sponsorizzati. Sono elementi che possono cambiare il modo in cui viene trattato l’attributo “nofollow”.

Cosa sono i link UGC?

UGC e link sponsorizzati
I link UGC sono particolarmente interessanti per definire il contenuto che l’utente genera. Tutti i commenti che hai, i tuoi post nei forum o i post che pubblichi sui social network potrebbero far parte di questa categoria. E questi sono collegamenti in cui il brand non ha un controllo diretto e immediato.

Sicuramente quando un utente pubblica un commento sul tuo sito web, lo rivedi prima che venga pubblicato. È il modo per assicurarsi se è buono o no. Ma quando gestisci vari social network e forum non hai abbastanza tempo per leggere tutto e verificare i collegamenti.

In passato, molte aziende li contrassegnavano come link “nofollow” e quindi controllavano le pubblicazioni il più possibile.

Chiavi per i nuovi tag UGC

Questi collegamenti vengono utilizzati secondo le istruzioni, per il contenuto che l’utente genera. Tuttavia, è molto importante tenere presente che Google spesso suggerisce che non tutti i link generati dagli utenti hanno valore.

A volte Google prova a seguire questi link solo per vedere se c’è qualche rilevanza. Oppure se la pagina che è collegata ha qualcosa di valore rispetto alla pagina di origine del collegamento. Pertanto, è importante essere consapevoli di tutti i commenti e di quelle aree in cui i tuoi visitatori possono creare contenuti.

Se la maggior parte di questi post sono pertinenti, preziosi e tutte le pagine a cui si collegano parlano di cose simili, allora avrai un po’ di credito. Tuttavia, è necessario sapere come comportarsi quando si utilizzano UGC:

  • Google è fiducioso di poter utilizzare i link in un modo molto più utile e non solo di smettere di seguirli.
  • Consiglio per l’utilizzo di contenuti generati dagli utenti: per i commenti che hai sul tuo blog, ti consigliamo comunque di utilizzare i link “nofollow”. Ma se hai un sito web in cui i commenti che ricevi sono specifici e puoi fidarti degli utenti, non è essenziale farlo.

Cosa sono i link sponsorizzati?

Yoast: link sponsorizzati
Fino alle ultime modifiche, tutti gli annunci a pagamento, sia per i prodotti che per gli annunci di affiliazione, facevano parte del tag “nofollow”. Tuttavia, oggi il modo in cui i brand utilizzeranno l’etichetta sarà ridotto, in modo che in seguito Google possa dargli il significato richiesto.

Un esempio è quando si tratta di denaro. Non importa se è attraverso la pubblicità o se hai ottenuto una commissione da una vendita tramite programmi di affiliazione, l’essenziale è che utilizzi questo attributo specifico nei tuoi link.

Un collegamento che ha l’attributo “sponsorizzato” sarà molto diverso dal “nofollow”. Fondamentalmente perché stai inviando un segnale che indica che segui il collegamento, ma che identifica che si tratta di un collegamento pubblicitario o sponsorizzato.

Quell’azione, quando è influenzata dal denaro, non significa che sia priva di valore. In questo caso è l’opposto, poiché ha un valore sufficiente per cui le persone sono disposte a pagare per ciò che viene offerto. Tuttavia, dovresti conoscere il valore e i consigli di questi collegamenti:

  • Valore del link sponsorizzato: è molto difficile sapere quale valore attribuirà Google a questi link.
  • Istruzioni per l’utilizzo di link sponsorizzati: usa la strategia in link che sono a pagamento e che sono anche semplici e chiari. Ma se quello che vuoi è ottenere valore, devi assicurarti che questi collegamenti siano posizionati in luoghi pertinenti e di qualità.

Come dovrebbero essere usati il ​​nuovo UGC e i link sponsorizzati con l’attributo nofollow?

Come dovrebbero essere usati il ​​nuovo UGC e i link sponsorizzati
Prima di apportare questa nuova modifica, l’attributo “nofollow” era altamente consigliato da Google. Era il modo in cui dovevano essere indicati sia i link a pagamento che quelli sponsorizzati. Inoltre, erano i link che venivano scelti per i commenti che erano nei blog e nei post dei forum.

Ora, l’utilizzo dell’attributo “nofollow” ti concentrerà su quei link che desideri che Google ignori. Tuttavia, Google può valutare quel collegamento, esclusivamente per migliorare il posizionamento.

L’attributo “nofollow” può essere integrato con i link UGC e sponsorizzati, in modo da avere una migliore definizione riguardo al tipo di link che hanno questi link.

Quando utilizzare l’UGC e i link sponsorizzati

È molto importante conoscere i collegamenti appropriati in cui utilizzare i contenuti generati dagli utenti e i collegamenti sponsorizzati. È uno dei modi appropriati per evitare qualsiasi tipo di problema con i link sulla tua pagina.

A.- Quando utilizzare i link UGC

link UGC su blog comment
UGC sta per “User Generated Content“, cioè “contenuto generato dagli utenti”. Pertanto, l’attributo UGC è consigliato per contrassegnare i collegamenti nel contenuto generato dagli utenti di un sito Web. Un esempio sono i post di un forum oi commenti di un blog.

UGC è un termine prezioso per molte strategie di marketing digitale. Quindi, quando intendi introdurre dei link nei commenti di un blog, devi incorporare l’attributo «rel = ugc«.
In questo modo, Google saprà che si tratta di un collegamento in un contenuto generato dagli utenti di quello specifico spazio digitale.

B.- Quando utilizzare i link sponsorizzati

Google consiglia di utilizzare questo attributo per contrassegnare quei link che fanno parte di un’azione pubblicitaria o che hanno una sponsorizzazione.

Quando crei collegamenti che provengono da qualsiasi pubblicità, sponsorizzazione o scambio, Google ti consiglia di utilizzare il seguente attributo: «rel = sponsorizzato«.

Ogni volta che introduci un link in una recensione, o hai pagato per inserire un link o hai acquistato link in media digitali, devi sempre taggare quei link come sponsorizzati.

L’uso di questi tipi di collegamenti è obbligatorio. Se questi attributi sono stati creati è perché il motore di ricerca ritiene che siano molto utili per definire il proprio algoritmo e che i brand possono lavorare su strategie SEO adeguate.

Grazie a queste informazioni Google sarà in grado di comprendere meglio il significato dei link, in modo da organizzare i propri algoritmi di posizionamento.

Questi link trasferiscono il ranking?

UGC e link sponsorizzati:  Questi link trasferiscono il ranking?
Fino a poco tempo, molte persone dicevano che i link “nofollow” non trasferivano il ranking da un sito all’altro. Tuttavia, Google ha già chiarito che la decisione se trasferire valore nei link non dipenderà da loro.

L’esempio più chiaro di questa situazione sono quei siti web che hanno inserito tutti i collegamenti a siti esterni utilizzando il “nofollow”. Ciò premesso, Google sa che è impossibile che i link presenti nel sito vengano classificati allo stesso modo. Ecco perché la classificazione “nofollow” non aveva molto senso.

L’utilizzo o meno di questi link non garantisce che il ranking non verrà trasferito. Google lo prenderà come un suggerimento a seconda della natura del collegamento.

Ora che sai tutto quello che devi fare con questo tipo di collegamenti, è il momento di sapere se il loro utilizzo sarà efficace o meno. Per questo non c’è niente di meglio che lavorare con la piattaforma di Content & Influencers Marketing di Coobis. Ti permetterà di aumentare le entrate pubblicando contenuti sul tuo sito web o sui tuoi social network, alcuni contenuti che devono includere questi nuovi attributi nei link generati dagli utenti e sponsorizzati.

I più popolari