Quali sono i social network che sono cresciuti di più durante il lock down?

Social Media

Sai quali social network sono cresciuti di più durante il lock down? Il mese di marzo 2020 passerà alla storia. È il mese in cui è stato lanciato uno stato di allarme che avrebbe decretato su tutto il territorio europeo il lock down per combattere la pandemia generata da Covid-19.

Questo stato di allarme ha subito successive estensioni ogni due settimane, mantenendo la popolazione in quarantena nelle loro case per fermare il contagio del coronavirus. Le ultime notizie sono tornate per confermare che il lock down continuerà parzialmente fino al fine maggio, anche se con alcune modifiche.

Ora si avvia la fase 2, il ritorno graduale alla normalità. Ma, in ogni caso, controllare la pandemia richiederà ancora tempo.

Il consumo di applicazioni digitali aumenta

Non bisogna dimenticare che la limitazione dei movimenti è stata una misura applicata in molti paesi del pianeta. E quindi, ha generato una serie di conseguenze prevedibili e imprevedibili. Dalle scene di affetto e solidarietà a un nuovo modo di vivere e relazionarsi durante l’isolamento a casa grazie alle nuove tecnologie.

È qui che i social network, Internet, le app e l’uso intensivo che la popolazione sta facendo ci consentono di parlare di una trasformazione digitale senza precedenti. In effetti, una delle prime conclusioni è che il coronavirus innesca il tempo che la popolazione trascorre sui social network.

A questo proposito, il fatto più notevole è che l’uso di applicazioni mobili è cresciuto del 20% durante l’isolamento da Covid-19. Ed è che ora gli utenti trascorrono molto più tempo online e hanno più tempo libero.

Il confinamento attiva più download di app

L’ultimo rapporto di App Annie, una società di oltre un milione di utenti diventato il principale fornitore mondiale di dati per il mercato mobile, lo conferma per il primo quarto di quest’anno il tempo trascorso sui social network e altre applicazioni mobile è aumentato del 20%.

Non è l’unico esempio rilevante. Anche il denaro speso dagli utenti in applicazioni (dal sistema iOS o Android) è aumentato. In particolare, 15% e 5%, rispettivamente. Le cifre comprendono l’intero pianeta e indicano un nuovo record di consumo attraverso le applicazioni mobile. Si tratta di $ 23,4 miliardi di spesa in tutto il mondo in soli tre mesi.

La realtà conferma che i social network sono la prima opzione per i cittadini per combattere l’isolamento. La vita quotidiana delle persone, delle famiglie che sono messe in quarantena in casa, è stata trasferita sui social network.

I social network che sono cresciuti di più durante il lock down.

L’impatto del coronavirus su smartphone e social network Twitter, Facebook, YouTube, WhatsApp, Instagram o il nuovo arrivato TikTok sono diventati ilcordone ombelicale con cui collegarsi alla vita. La domanda pertinente ora è sapere quali sono i social network che sono cresciuti di più durante il lock down.

1.- Twitter

Twitter è uno dei social network che è cresciuto di più durante il lock down in tutto il mondo. Nel 2019 aveva 152 milioni di utenti al giorno, secondo i dati dell’azienda stessa. E nel primo trimestre di quest’anno ha raggiunto 164 milioni. Ciò rappresenta l’8% in più e la società stessa che conferma ufficialmente questo aumento.

Il confronto con il primo trimestre dell’anno 2019 ci consente anche di intravedere la grande crescita di Twitter. Nel 2019, gli utenti giornalieri di Twitter erano 134 milioni di utenti, che, rispetto agli attuali 164 milioni del primo trimestre, rivela una crescita annuale del 23%.

Anche l’incremento di Twitter come strumento di comunicazione diretta e privata è molto significativo. In effetti, i messaggi diretti tra utenti sono aumentati del 30%.

2.- I brand di Zuckerberg

Zuckerberg ha iniziato con Facebook e ora ha Instagram e Whatsapp tra le sue reti. Tutti e tre hanno raggiunto un aumento siderale durante il lock down in tutto il mondo. Soprattutto relativamente alla messaggistica diretta e istantanea.

Di recente Alex Schultz e Jay Parikh, vicepresidenti della società, hanno spiegato quanto segue: “Gli usi di Instagram e Facebook Live sono raddoppiati in una settimana. Abbiamo anche visto che i messaggi sono aumentati di oltre il 50%. Il tempo delle chiamate di gruppo (con tre o più partecipanti) è cresciuto di oltre il 1.000% durante l’ultimo o mese “.

La forza combinata dei tre social network e dei loro servizi di messaggistica istantanea sta spazzando via il confinamento. In tutto il pianeta, i dati di messaggistica sono cresciuti di oltre il 50% a marzo. A loro volta, le chiamate vocali e video sono raddoppiati in Messenger e WhatsApp.

Durante lo stato di allarme di Covid-19, le applicazioni per le videochiamate sono i principali strumenti utilizzati. È logico. Non potendo uscire di casa, il contatto fisico viene scambiato con il contatto virtuale attraverso le tecnologie.

Per questo motivo, e per mantenere la leadership tra i social network che sono cresciuti di più durante il lock down, Instagram fa tutto il possibile per mantenere gli utenti connessi nonostante l’isolamento.

Per questo ha lanciato Co-Watching. È una nuova funzione di chiamata che ci consente di vedere altre pubblicazioni sul social network, siano esse foto o video, mentre siamo in una videochiamata con gli amici. È un’applicazione multifunzionale.

3.- Whatsapp

I dati forniti da Facebook sull’uso delle sue reti negli ultimi mesi sono sbalorditivi. Tra questi, un altro dei social network che è cresciuto di più durante il lock down è WhatsApp.

Nei paesi più colpiti dal virus, l’uso di WhatsApp è aumentato di oltre il 50%. Sono Italia, Francia, Spagna e Stati Uniti. Secondo i dati dell’azienda stessa, in Italia, ad esempio, il tempo di utilizzo è aumentato del 70% e anche i messaggi inviati sono aumentati di oltre il 50%.

4.- Youtube

L’azienda 2btube è un gruppo media specializzato nel collegamento con il pubblico digitale. Rappresentano più di cinquecento talenti e producono contenuti esclusivi.

Pubblicano anche rapporti sui social network che sono cresciuti di più durante il lock down. E hanno rilasciato un documento che confronta il consumo di video su YouTube prima e durante il lock down.

Secondo 2btube, le visite ai canali spagnoli su YouTube sono aumentate del 37% a livello globale. Sono state raggiunte 295 milioni di visualizzazioni nei primi 14 giorni di marzo e 404 milioni nelle due settimane successive.

M, se si tiene conto solo delle opinioni in Italia, si prevede che l’aumento sia ancora maggiore. In effetti, le visualizzazioni aumenteranno del 55%, da 58 milioni nei primi 14 giorni a 90 milioni nei prossimi quindici giorni.

5.- Tik Tok

Tik Tok è il nuovo ospite della danza dei social network che sono cresciuti di più durante il lock down. Conosciuta come Douyin in Cina, è l’ennesima applicazione (OS e Android) per creare e condividere brevi video.

Grazie a questa applicazione, gli utenti possono creare brevi video musicali da tre a quindici secondi e video più lunghi da mezzo minuto a un minuto.

Tik Tok è il leader nel video in Asia, negli Stati Uniti e in altre parti del mondo. La sua caratteristica principale è che i video su questa piattaforma vengono condivisi su tutti i social network. Da Twitter a Facebook, la sua popolarità continua a crescere. Ma, soprattutto, sono virali attraverso Whastapp. Sebbene quest’ultimo risultato sia praticamente impossibile da misurare.

Alcuni dati che confermano che è uno dei social network che sono cresciuti di più durante il lock down è che i video con il tag #coronavirus hanno già 31,2 miliardi di visualizzazioni. Inoltre, quelli taggati con #coronaviruschallenge, hanno oltre 1.200 milioni.

6.- Tinder

Tinder, il grande social network dei contatti ha, in linea di principio, un problema. Non ci possono essere contatti durante lo stato di allarme. Va bene. Ma allora, cosa hanno fatto per renderlo uno dei social network che è cresciuto di più durante il lock down? La risposta è semplice: si è adattato e si è evoluto.

Gli utenti stessi si sono adattati e si sono evoluti. A livello globale, domenica 29 marzo, un record è stato superato nella storia dell ‘”app”, che ha registrato oltre 3.000 milioni di ipe swipe “in tutto il mondo”, spiega la società.

Come è chiaro, la crisi del coronavirus ha spinto le persone ad appoggiarsi alla tecnologia più che mai. Per i brand più intelligenti è stata anche una grande opportunità per rimanere in contatto con un pubblico più connesso.

Se vuoi ottenere una maggiore visibilità nelle reti, registrati su Coobis. Siamo una piattaforma di content marketing, SEO e influencer marketing che può aiutarti a raggiungere tutti i tuoi obiettivi.

I più popolari