Il nuovo strumento di Google per rimuovere i contenuti obsoleti

SEO
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Il nuovo strumento di Google per la rimozione di contenuti obsoleti si chiama “Removals” ed è disponibile su Google Search Console. Questo strumento ti permette di bloccare temporaneamente i risultati di ricerca del tuo sito web, eliminare contenuti obsoleti o pubblicati per errore e senza cancellare l’intera pagina.

Mantenere il tuo sito web aggiornato e privo di contenuti obsoleti era qualcosa che richiedeva molto lavoro. Ora, grazie a Google, questo lavoro diventa più facile, veloce e più accessibile da Search Console.

Google sta adattando la sua interfaccia da tempo e sviluppando nuove funzionalità molto interessanti. Quest’ultima consentirà sia l’eliminazione degli URL che non desideri siano visibili, sia la loro rimozione temporanea. Inoltre, consente anche di eliminare rapidamente informazioni pubblicate per errore o contenuti che altri utenti hanno segnalato.

Le pagine aggiornate hanno un’autorevolezza di dominio superiore e si classificano meglio

Le pagine aggiornate hanno un'autorevolezza di dominio superiore e si classificano meglio
Se hai controllato come è la tua reputazione online o hai apportato alcune modifiche al tuo sito web rimuovendo alcune pagine, è probabile che tu debba rimuovere alcuni risultati. In passato non c’era altra scelta che attendere l’arrivo di Google e rimuovere i risultati dalle pagine che non esistono più.

Ora, se hai urgente bisogno di eliminare qualcosa, puoi gestirlo da Google per accelerare il processo. Quello che devi fare è di passare attraverso il tuo sito web e rilevare quali contenuti indicizzati non esistono più. In questo modo, Google rimuoverà rapidamente questi URL dai risultati.

Pulire il tuo sito web di tanto in tanto è essenziale per mantenere una buona autorevolezza di dominio. Se la tua pagina è datata è normale che ci siano informazioni obsolete. Puoi aggiornarla e cambiare la data di pubblicazione. Oppure cancellarla direttamente.

Altrimenti, se pubblichi un nuovo URL aggiornato, corri il rischio di avere informazioni duplicate pur mantenendo informazioni errate. Lo stesso vale per i collegamenti, se non li aggiorni, alcuni potrebbero portare a contenuti che non esistono più. E tutto ciò influenzerà l’autorevolezza del tuo dominio e, quindi, il tuo posizionamento.

D’altra parte, quando sul tuo sito sono presenti molte pagine indicizzate che non sono necessarie, Google sta facendo il doppio del lavoro. I suoi robot dovranno dedicare molto più tempo alla scansione dei tuoi contenuti obsoleti.

Cosa sono le pagine di contenuto morto e le pagine obsolete

Si tratta di pagine con contenuti obsoleti le cui informazioni non sono più utili, non sono aggiornate e non producono più conversioni. Se non aggiorni i tuoi contenuti, nel tempo le sue prestazioni precipiteranno. Pertanto, finiranno per essere pagine morte che vengono visitate raramente dagli utenti e senza motivo.

Queste pagine morte danno più lavoro in fase di indicizzazione a Google e appaiono nei risultati. Tuttavia, quando si tratta di pagine con contenuti obsoleti ma ancora oggetto di attenzione, sono molto dannose per l’esperienza utente e la reputazione online.

Queste pagine rappresentano senza dubbio le occasioni mancate. Gli utenti che le visitano non le troveranno pertinenti. La frequenza di rimbalzo aumenterà poiché gli utenti non visiteranno altre pagine del tuo sito per visualizzare altre informazioni.

I contenuti obsoleti influiscono anche sulla SEO della tua pagina

I contenuti obsoleti influiscono anche sulla SEO della tua pagina
Aggiorna il contenuto del tuo sito web per migliorare il tuo SEO Lo strumento di Google per rimuovere i contenuti obsoleti è anche un’opportunità per non influenzare la SEO del tuo sito web. Dopo tutto, avere troppe pagine inutili influisce direttamente sulla qualità del tuo sito web. Ricorda che Google tiene conto di tutte le pagine che indicizza.

Se Google considera che hai un sito di bassa qualità, ciò influirà sul posizionamento dell’intero sito. La rimozione di questi URL migliora la SEO delle tue pagine di alta qualità. Tuttavia, se elimini il contenuto obsoleto ma appare ancora nei risultati, non risolvi l’intero problema.

Google tiene conto del comportamento degli utenti come fattore SEO. Se fanno una ricerca ed entrano in una pagina che non esiste più, se ne vanno in pochi secondi. Quindi Google finisce per interpretare che la tua pagina non è pertinente.

Elimina pagine o contenuti di terze parti

Uno dei maggiori vantaggi dello strumento di rimozione di Google è che puoi anche rimuovere contenuti che non ti appartengono. Si tratta di un grande vantaggio quando ti imbatti in contenuti che si riferiscono a te ma danneggiano la tua immagine o la tua reputazione online.

Ad esempio, potrebbe essere un contenuto con intenti diffamatori sul tuo brand. Se rilevi che un link in quella pagina è cambiato, puoi copiarlo e incollarlo nello strumento di Google. Inoltre puoi accelerare il processo di rimozione poiché stai notificando che il contenuto del web è cambiato.

Meno circolano informazioni dannose su di te, meglio è. Anche se puoi anche lasciare questa decisione nelle mani di Google, sicuramente accadrà di nuovo tra poche settimane o un mese.

Come funziona lo strumento di rimozione di Google

È chiaro perché di tanto in tanto è necessario pulire o aggiornare il tuo sito web. Ora è il momento di scoprire cosa può offrirti il nuovo strumento di Google per rimuovere i contenuti obsoleti.

Gli usi principali di questo strumento sono rimuovere temporaneamente i contenuti, eliminare definitivamente i contenuti o consultare o utilizzare il filtro di ricerca sicura.

1.- Blocca temporaneamente un URL nelle ricerche su Google

Blocca temporaneamente un URL nelle ricerche su Google
Il nuovo strumento di Google per la rimozione di contenuti obsoleti si trova nel riquadro sinistro di Search Console. Si chiama “Removals” e da lì puoi accedere alle 3 opzioni.

Il primo è “blocchi temporanei”. Qui puoi inviare una richiesta a Google per rimuovere temporaneamente la tua pagina dai risultati. Fondamentalmente, i blocchi temporanei offrono due opzioni:

  • Rimuovere temporaneamente un URL: è molto utile quando è necessario rimodellare parti del sito Web e non si desidera che determinate pagine vengano visualizzate per un po’. Scegliendo questa opzione, Google procederà a rimuovere detto URL dai risultati di ricerca, eliminando i dati dalle SERP e quelli dalla cache della pagina per 6 mesi. Trascorso questo tempo, Google eseguirà nuovamente la scansione dell’URL e genererà nuovamente i dati da visualizzare nelle ricerche.
  • Cancella URL memorizzato nella cache: questa opzione viene utilizzata in quelle occasioni in cui apporti qualche tipo di modifica ai metadati di un URL. Quando la funzione viene selezionata, Google esegue un “ripristino” dei dati memorizzati nella cache visualizzati nelle SERP. In questo modo, le informazioni di ricerca appariranno come “Nessuna informazione disponibile su questa pagina”. Google continua a mostrare la pagina, ma non mostrerà le informazioni obsolete. Il nuovo dato sarà disponibile quando Google eseguirà nuovamente la scansione.

Google ti consente di inserire l’URL in due diversi formati per entrambe le opzioni. Tuttavia, nella prima opzione è consentito rimuovere solo una singola pagina. Mentre con il secondo puoi richiedere la rimozione di tutti gli URL che hanno un prefisso specifico.

2.- Rimuovi i contenuti obsoleti

Rimuovi i contenuti obsoleti
La seconda funzionalità consiste nell’utilizzare lo strumento Google per rimuovere i contenuti obsoleti. In questa scheda, la finestra ti mostrerà tutti quegli URL che altri utenti hanno suggerito a Google di rimuovere dalle ricerche.

La maggior parte delle volte si tratta di contenuti che non sono più disponibili. Cioè, un utente ha fatto click su uno dei risultati e quell’URL è stato rimosso. Così puoi andare nella scheda “Rimozione di contenuti obsoleti” e richiederne la rimozione.

Questa opzione è utile anche per eliminare le pagine che presentano problemi di visualizzazione o caricamento che influiscono sull’esperienza dell’utente. In questo modo, puoi controllare meglio le pagine che sono diventate obsolete sul tuo sito web.

Bisogna tenere a mente che in questa sezione non è possibile annullare il blocco dei contenuti. Se decidi di richiedere la rimozione di contenuti obsoleti, puoi solo aspettare di sapere quale decisione ha preso Google in merito.

3.- Filtri di ricerca sicura o SafeSearch

Filtri di ricerca sicura o SafeSearch
Infine, lo strumento di Google per rimuovere i contenuti obsoleti ti consente di vedere rapidamente se i tuoi contenuti vengono bloccati. Ciò si verifica perché alcuni utenti hanno segnalato il contenuto per adulti tramite i suggerimenti di SafeSearch.

Nel caso in cui venga erroneamente etichettato come contenuto per adulti, a differenza del resto delle opzioni, l’errore può essere segnalato a Google. Anche se non può essere fatto direttamente dal pannello e devi andare sul forum ufficiale di Google.

Come puoi vedere, rimuovere i contenuti che non sono più utili con lo strumento di Google per rimuovere i contenuti obsoleti è molto semplice. Puoi accelerare il processo in modo che gli URL rimossi non vengano visualizzati nei risultati di ricerca. In questo modo proteggi la tua reputazione online, la tua autorevolezza di dominio e la fiducia dei tuoi clienti.

Se hai bisogno di migliorare il tuo posizionamento sul web con una consulenza professionale ed efficiente, Coobis è quello che stavi cercando. Siamo una piattaforma di Branded Content, SEO e Influencer marketing e possiamo aiutarti a ottenere il massimo dai tuoi contenuti e dal tuo sito web.

I più popolari