Pratiche negative su Twitter che dovremmo evitare: guida efficace

Social Media

Sai quali sono le pratiche negative su Twitter che dovrebbero essere evitate? Twitter rimane uno dei principali social network con il maggior numero di utenti. Ciò non significa che la maggior parte degli utenti utilizzi effettivamente il servizio di microblogging più famoso.

Qui vedrai le pratiche negative su Twitter che devi evitare per ottenere una maggiore efficacia e l’arrivo dei tuoi messaggi. È molto semplice, basta leggere questo post e la prossima volta che scrivi un messaggio te ne ricorderai.

Quali funzionalità ha Twitter?

Il continuo riadattamento dei social network è determinato dalla trasversalità che li caratterizza. E anche per le tendenze che stanno fornendo più strumenti e notizie anche tra di loro.

Ciò ha portato Twitter a individuare anche nuovi adattamenti legati alle esigenze degli utenti. Il fatto di passare dai classici 140 a 280 caratteri è uno dei grandi cambiamenti. C’è stato anche un miglioramento nella gestione degli hastag.

Pertanto, Twitter rimane uno dei social network più popolari. Ed è uno dei motivi convincenti per cui qualsiasi brand, dopo una valutazione strategica, dovrebbe lavorare per avere la presenza ottimale del tuo brand su questo social network.

A questo punto, per garantire la pubblicazione del tuo messaggio o tweet affronteremo le pratiche negative su Twitter che dovrebbero essere evitate, per essere in grado di effettuare la comunicazione più efficiente possibile.

Pratiche negative su Twitter che dovresti evitare

Un elemento essenziale su cui si basa Twitter è la velocità e l’aspetto effimero dei suoi messaggi. Fondamentalmente, Twitter parla e interagisce riguardo ciò che sta accadendo. In questa dinamica inserisci le tue conversazioni e i tuoi messaggi, fornendo opinioni o rispondendo ad altri utenti. Quindi ecco le pratiche negative da evitare.

1.- Non pubblicare continuamente elogi per il tuo brand

Ecco una delle pratiche negative. Proprio come altri tipi di social network si basano sulle immagini, come Instagram, su Twitter il pilastro è l’opinione. Parla di tutto, loda e critica tutto.

  • Le situazioni attuali
  • Gli argomenti di tendenza
  • I personaggi famosi

Tutto è sotto i riflettori e anche il tuo brand. In molte situazioni le persone sono twittate e lodate su questa piattaforma. E qui come nel mondo tangibile, anche vanità ed ego nascono sotto forma di tweet. Molte persone ritwittano gli elogi che fanno pubblicamente. Una delle pratiche negative su Twitter che dovresti evitare.

2.- Non farti sfuggire gli #hashtag di mano

L’abuso di hashtag è un’altra pratica negativa su Twitter che dovresti evitare. Sapevi che l’uso del simbolo # Hashtag è usato da dodici anni su Twitter? Sì, è uno degli elementi veterani della comunicazione digitale. E si espande attraverso questo social network ad altre reti.

Ricorda che Twitter è nato nel 2007. E un anno dopo è comparso il simbolo di cui molti non possono più fare a meno.

Chris Messina, uno dei difensori Open Source e IRC ha proposto di utilizzare il sistema Hashtag su Twitter allo stesso modo di IRC. Come spesso accade in molti progetti e situazioni innovativi o imprenditoriali, questa proposta non è stata accolta molto bene da uno dei creatori di Twitter, Evan Williams, suggerendo a Messina che gli Hashtag non sembravano essere un sistema troppo tecnico per l’utente medio.

Evidentemente Williams non aveva solo torto; oggi, gli hashtag vengono utilizzati in tutti i social network e sfortunatamente in molti casi, in modo assolutamente esagerato. Evita le pratiche negative su Twitter di inserire hashtag in tutti i tweet. Gli hashtag usati con giudizio e in modo appropriato sono utili. E aggiungono valore ma quando l’utilizzo non è eccessivo.

Quindi … Come utilizzare gli hashtag su Twitter in modo efficace?

Per evitare l’uso di pratiche negative su Twitter e in questo caso l’uso esagerato di hashtag in questo social network si consiglia di utilizzare uno o due hashtag in un tweet. Questo sarebbe il numero ideale.

È il modo più efficiente per utilizzare un hashtag in questo social network. Devi usare hashtag che sono veramente rilevanti se vuoi che il tuo messaggio arrivi e sia efficace.

Se twitti per conto di un brand, tieni presente che ciò che comunichi con questo hashtag fa parte del brand stesso, della sua immagine. Gli hashtag devono essere coerenti con il messaggio che rilasci e pertinenti per gli utenti o al pubblico di destinazione che riceverà quel messaggio.

In questo caso sarebbe ideale tenere conto della scelta degli hashtag, del prodotto o del contesto preciso per un’azione del brand. Cerca di evitare un hashtag per il tuo brand solo perché è una tendenza. Evita di farlo per farti notare se è assolutamente fuori dal contesto che stai comunicando con il tuo tweet.

3.- Non bombardare con DM

Evita un’altra delle pratiche negative su Twitter come i bombardamenti che alcuni utenti fanno costantemente attraverso DM. Questo è ovviamente ancora più fuori luogo per gli utenti che pubblicano su Twitter per conto di un brand o un’organizzazione.

Queste sono azioni totalmente invasive e ostili. Se pubblichi su Twitter tramite un brand, ci sono altre formule nella comunicazione digitale. Utilizzare frasi che invitano all’azione per seguirti accompagnate da interessanti collegamenti o usando altre risorse grafiche utili.

4.- Evita di chiedere di essere ritwittato

Un’altra delle pratiche negative su Twitter è quella di chiedere di essere ritwittati; chiedendo di farlo direttamente alla fine del tweet. Devi presumere che il destinatario del tuo tweet abbia criteri sufficienti per decidere se il tuo tweet è abbastanza rilevante da essere ritwittato; indipendentemente da quanto urgente lo consideri.

In questo caso, è necessario fare un’eccezione. Si tratta delle comunicazioni legate alla solidarietà. Qui è utile lasciarsi coinvolgere e aggiungere un granello di sabbia.

5.- Twitter e il resto dei social network non dovrebbero fonte di critiche

Quindi, questa è una delle pratiche negative su Twitter da evitare: parlare male o criticare. Soprattutto se parli per conto di un brand, devi essere costruttivo, aggiungere valore ai tuoi messaggi, fornire informazioni.

E in un caso estremo di crisi digitale attraverso uno dei tuoi thread di Twitter, sii conciliante e applica un protocollo di crisi associato al resto delle reti e dell’ambiente digitale della tua organizzazione.

A differenza di un contesto fisico, parlare male in un ambiente digitale non comporta solo la minaccia di una crisi latente, ma anche la viralità del tuo tweet o messaggio. Vuoi viralizzare e vuoi che i tuoi messaggi raggiungano il tuo pubblico target, ma non ad ogni prezzo.

Pertanto, una volta inviato il tuo messaggio o tweet, non è più sotto il tuo controllo. E diventa un compito molto arduo reindirizzare una situazione di crisi digitale a causa del fatto che hai pubblicato un tweet infelice.

Tutto lascia una traccia su Internet e ciò che pubblichi su Twitter fa anche parte del tuo DNA digitale; della tua impronta digitale. Ecco perché devi essere cauto prima di pubblicare e pronunciarti su questioni o situazioni delicate.

6.- Attenzione a coinvolgere gli utenti nelle conversazioni

La pratica negativa su Twitter di impegnarsi in conversazioni con utenti che probabilmente non lo vogliono, è qualcosa da evitare a tutti i costi. È necessario misurare e valutare in che misura un utente potrebbe essere interessato a ciò che si sta pubblicando.

Come utente particolare si tollerano le menzioni di altri amici, conoscenti o organizzazioni, che potrebbero essere interessati a un thread di conversazione se è interessante.

L’errore si presenta quando questo viene fatto di default e la citazione viene inserita per ogni argomento. Bisogna fare appello alle regole operative di base in ambienti digitali e non digitali.

Vale la stessa cosa nel nel mondo fisico. Al tuo ambiente virtuale non deve interessare tutto ciò che dici su vari argomenti. Può diventare un vero spam, una vera pratica negativa su Twitter.

Se vuoi evitare le pratiche negative su Twitter lavora con professionisti che mostrano i tuoi contenuti sui social network. Registrati sulla piattaforma di Influencer marketing e branded content Coobis!