Pratiche negative su Facebook che dovremmo evitare: sai cosa sono?

Social Media

Vuoi sapere quali sono le pratiche negative più comuni su Facebook? Facebook è un social network molto efficace per promuovere un brand o un’azienda. Grazie alla sua enorme popolarità, consente a un brand di ottenere una grande visibilità sui social media.

Molte aziende vogliono essere presenti su Facebook. Molti riescono a generare un grande coinvolgimento con il loro pubblico. Ma alcuni semplicemente non premono il tasto giusto.

Se ritieni che la tua strategia su questo social network non vada bene come dovrebbe, questa guida sulle pratiche negative su Facebook può essere molto utile per migliorare i tuoi risultati.

12 pratiche negative su Facebook da evitare

La stragrande maggioranza delle aziende attua strategie di marketing digitale sui social network. Tuttavia, gli errori da principiante su questo social network sono molto comuni. Se vuoi ottenere il massimo da Facebook, ci sono una serie di pratiche negative che dovresti evitare:

1.- Autopromozione eccessiva

Tra tutte le possibili pratiche negative su Facebook, fare troppa autopromozione è una delle più comuni. Molte aziende ritengono che se bombardano gli utenti con la pubblicità migliorano la memoria del loro brand.

Tuttavia, l’effetto è generalmente contrario a quello desiderato. Gli utenti di Internet ricevono più di 60.000 impatti pubblicitari al giorno. Cosa succede con l’esposizione prolungata a questi tipi di stimoli? Bene, le persone sviluppano una certa immunità nei loro confronti. In molte occasioni, si sentono persino stanche e cercano di evitarli.

Oggi il pubblico richiede un altro tipo di comunicazione con i brand. Non vogliono che tu dica loro che sei la migliore compagnia, vogliono che tu lo provi. Pertanto, dovresti cercare modi creativi per raggiungere il tuo pubblico. Ad esempio, con contenuti che parlano dei tuoi valori come brand e che, allo stesso tempo, sono rilevanti per loro.

2.- Immagini di profilo e cover mal ottimizzate

Nella maggior parte dei casi, questo errore è dovuto alla mancanza di una conoscenza minima degli aspetti più tecnici dei formati e delle risoluzioni delle immagini. Ma pensaci un momento, che sensazione ti dà entrare nella pagina di una società e vedere che il suo logo o l’immagine dell’intestazione è pixelata o malamente ritagliata?

Esatto: mancanza di credibilità, sfiducia e mancanza di professionalità. Tuttavia, è una delle pratiche di Facebook da correggere. Tutti i social network offrono informazioni sui formati più appropriati in base all’uso che verrà fatto delle immagini. Cerca di assicurarti che soddisfino queste specifiche in modo che siano ottimizzate per Facebook.

3.- Mancanza di informazioni sulla società

Inserisci tutte le informazioni sull’azienda. Oltre all’intestazione e all’immagine del profilo, Facebook ti consente di includere tutti i tipi di informazioni sull’azienda. Non compilare completamente queste sezioni è un’altra delle pratiche negative più comuni su Facebook.

Assicurati di inserire quante più informazioni possibili sul tuo brand: il tuo sito Web, il numero di telefono e l’e-mail di contatto e l’indirizzo fisico, se presente.

Si consiglia inoltre di compilare altre sezioni come i servizi offerti dalla società e chi siamo. In questo modo, offri agli utenti un quadro più accurato su chi sei e cosa puoi offrire loro.

4.- Mancanza di pianificazione nella frequenza delle pubblicazioni

Molti brand non sviluppano correttamente il calendario delle pubblicazioni su Facebook. Uno degli errori più comuni al riguardo è quello di pubblicare solo durante l’orario di lavoro. Tuttavia, sapere a che ora il tuo pubblico è più attivo è essenziale per un migliore coinvolgimento delle tue pubblicazioni.

Allo stesso modo, anche fare troppe pubblicazioni al giorno è controproducente. Tieni presente che l’algoritmo di Facebook non segue più una cronologia temporale. Infatti, di solito mantiene più a lungo nella sezione notizie quelle pubblicazioni che producono un impatto maggiore.

Mantenere una pianificazione strategica delle pubblicazioni in termini di frequenza e programma garantisce una migliore portata. È di scarsa utilità pubblicare 10 volte se raggiungi il pubblico solo con 4 azioni.

5.- Contenuti poco elaborati

Non tenere conto della qualità e della pertinenza dei contenuti è un’altra delle pratiche negative su Facebook che dovresti evitare. Nel voler pubblicare contenuti, molti brand dimenticano la premessa che la qualità è migliore della quantità.

Il passo più importante per evitare contenuti fuori contesto è quello di aver definito correttamente il pubblico di destinazione. Per chi stai postando? Quali sono gli interessi del tuo target? Di cosa si preoccupa? Lo trova utile?

Durante la progettazione della strategia dei contenuti, ti consigliamo di rispondere a tutte queste domande. Ti assicurerai che i tuoi post siano interessanti per i tuoi follower.

6.- Messaggi troppo lunghi

Gli utenti navigano nella bacheca di notizie a una velocità vertiginosa. Se vuoi attirare la loro attenzione, devi trovare un giusto equilibrio tra immagine e testo. Per leggere un romanzo ci sono già altri tipi di applicazioni!

Cerca sempre brevità e persuasione nei tuoi post perché gli utenti respingono grandi quantità di testo. Se si tratta di un argomento su cui hai molto da dire, la cosa più appropriata è scrivere un copy accattivante che attiri il lettore e lo reindirizzi al tuo sito Web tramite un collegamento. In questo modo ne approfitti e aumenti il ​​traffico sulla tua pagina.

7.- Usare un profilo invece di una fan page

Se vuoi che il tuo brand sia presente su Facebook, dovresti optare per una pagina aziendale. Un’altra delle pratiche negative su Facebook che vengono viste regolarmente è quella di creare un profilo personale per un’azienda invece di utilizzare le fan page.

I motivi per cui devi creare una pagina e non un profilo sono vari:

  • I profili personali utilizzati per le aziende sono considerati falsi profili. E dovresti sapere che questo viola le regole di Facebook. Il tuo account potrebbe essere chiuso.
  • Il profilo personale non consente più di 5.000 amici. A una persona normale possono esserne rimasti 4.000, ma per i brand non è all’altezza.
  • I profili personali mostrano informazioni sui contatti: foto, wall, note … Ciò può generare sfiducia negli utenti. Al contrario, l’amministratore di una pagina non ha accesso a questi dati dei suoi follower.
  • Le pagine dei fan possono essere personalizzate molto. I profili personali no.
  • Un profilo personale non consente l’utilizzo delle funzionalità degli annunci di Facebook.
  • Nelle pagine dell’azienda è possibile includere schede per gli altri social network.
  • Una pagina aziendale consente inoltre di accedere agli strumenti di analisi.

8.- Avere troppe pagine per l’azienda

Troppe pagine aziendali inducono in errore l’utente. Se non si desidera fuorviare il proprio pubblico, non è consigliabile disporre di troppe pagine aziendali su Facebook. A volte, specialmente quando si tratta di brand che operano a livello internazionale, è comune avere diverse fan page a seconda della lingua.

Fatta eccezione per queste occasioni, è preferibile riunire l’intera community sulla stessa pagina Facebook. Se ne hai diverse, non sarà solo dannoso per i tuoi clienti che avranno difficoltà verificare quale pagina è corretta ma ci vorrà anche più impegno per gestire il tuo brand online e mantenerlo aggiornato.

9.- Non rispondere ai commenti

È necessario essere chiari sul fatto che i social network non sono una vetrina commerciale. Sebbene la pubblicità su di essi sia efficace, servono principalmente a creare comunità e stabilire una comunicazione con il pubblico di destinazione di un’azienda. Pertanto, l’interazione con i tuoi follower è di vitale importanza nella tua strategia di marketing sui social media.

Rispondere ai commenti e ringraziare di tanto in tanto i tuoi follower ti consente di migliorare l’immagine del tuo brand. Non importa se si tratta di commenti positivi o negativi. A volte non è possibile rispondere a tutti. Anche se, in particolare, i commenti negativi non devono mai essere lasciati senza risposta se si desidera anticipare una possibile crisi del brand.

10.- Non gestire campagne di annunci Facebook

Una delle migliori armi di Facebook per attirare follower e clienti è la pubblicità. Da quando Facebook ha cambiato il suo algoritmo, la copertura organica dei post è stata influenzata negativamente.

La pubblicità su Facebook è molto redditizia, dal momento che ha un basso costo e consente una segmentazione molto accurata. Una buona campagna può far crescere esponenzialmente la tua community.

11.- Lasciare la gestione della pagina a persone inesperte

La tua famiglia e i tuoi amici saranno sicuramente dei grandi professionisti nella loro area di lavoro. Ma un’altra delle pratiche negative su Facebook quando si tratta di gestire un brand è delegare questa funzione a persone che non hanno una profonda conoscenza in questo campo. In effetti, la maggior parte degli errori precedenti ha questo comune denominatore: la gestione autonoma.

Per attuare una buona strategia su Facebook è necessario avere una buona conoscenza del mercato, un minimo di design, scrittura, molta analisi e comunicazione. Se vuoi che la tua strategia sia redditizia, è meglio assumere un professionista per questa funzione. Altrimenti, si corre il rischio di perdere denaro, tempo, reputazione, clienti e vendite.

12.- Non analizzare le metriche

La madre di tutte le pratiche negative su Facebook è non analizzare le tue metriche di volta in volta. Questo aspetto è il più essenziale di qualsiasi strategia di marketing. Come puoi sapere se la tua strategia sta ottenendo buoni risultati se non analizzi i tuoi dati?

Come puoi creare una buona strategia se non conosci il tuo pubblico o non sai cosa funziona e cosa no? L’analisi nei social network è la tua più grande fonte di informazioni: ti consente di ottimizzare correttamente la tua strategia o correggerla se non si sta dimostrando efficace.

Coobis è la piattaforma di Branded content e influencer marketing ideale per i brand per ottenere una maggiore visibilità per la tua azienda con contenuti di qualità sui social network.