Posizioni il tuo blog con le parole chiave giuste?

Content Marketing

Hai scelto le parole chiave giuste per scrivere il contenuto del tuo blog? Gli utenti che stai cercando ti trovano con i termini con cui ti identifichi? Sono due facce della stessa medaglia. Due punti di vista dello stesso aspetto: il posizionamento dei contenuti in base a parole chiave specifiche.

Molti blogger svolgono molto lavoro di produzione di contenuti sui rispettivi blog. Ma solo pochi guadagnano la gloria di apparire nella parte superiore delle pagine dei risultati di Google. Perché non è facile. La concorrenza è brutale.

Quindi generare abbastanza contenuto non è più sufficiente. Nemmeno se è della massima qualità. Inoltre, ciascuno dei post deve essere adeguatamente lavorato in relazione al posizionamento dei motori di ricerca. La SEO è la porta del successo per molti blogger e brand che fanno le cose bene ma devono semplicemente adattare un aspetto: ogni post deve essere lavorato in modo che sia posizionato correttamente nelle ricerche per un termine specifico.

Cosa sono le parole chiave?

Le parole chiave sono i termini utilizzati per eseguire qualsiasi ricerca su Google o su qualsiasi motore di ricerca utilizzato.

Apparire sulla prima pagina dei risultati è vitale per raggiungere gli utenti interessati a ciò che offri. Fondamentalmente puoi ottenerlo in 2 modi:

  • Pagamento. Cioè, utilizzando annunci digitali, partecipando alle aste di AdWords. Qui entra in gioco, oltre alla qualità dell’annuncio e della landing page, l’investimento che fai. Il denaro che sei disposto a mettere in gioco nell’asta di ogni parola chiave.
  • Organicamente. In questo caso, è lo stesso Google che decide quali contenuti visualizzare. Per cui si basa su un algoritmo che tiene conto di vari fattori:
    • SEO On Page: sono tutti gli elementi trovati sul tuo blog: titoli, contenuti, collegamenti interni, struttura, velocità di caricamento, usabilità, … Sono quelli che dicono a Google i termini con cui dovresti essere trovato.
    • SEO Off Page: che tiene conto delle tecniche di costruzione dei link e della tua presenza social. Questi elementi indicano a Google quanto sei rilevante e importante. Una popolarità che si ottiene con backlink di qualità.

Tipi di parole chiave

Sono disponibili due tipi di parole chiave:

  • Generics. Questi sono termini con un elevato volume di traffico e che di solito consistono in una o due parole. Come si vede nel grafico sopra, la parola chiave “bicicletta” avrà un enorme volume di ricerche. Un po’ meno sarà il numero di utenti che cercano “gite in spiaggia” ma sono ancora milioni. L’aspetto negativo di queste parole chiave è che molte persone vogliono classificarsi con esse e ottengono di solito poche conversioni.
  • Parole chiave a coda lunga. Rispondono a ricerche più specifiche. Inoltre, di solito sono composti da più parole. E, quindi, il numero di ricerche che comporteranno sarà significativamente inferiore. Naturalmente, anche la concorrenza è ridotta. E la cosa più interessante è che rappresentano un volume più elevato di conversioni.

Come scegliere la parola chiave giusta per ogni post

Molti blog commettono l’errore di pubblicare post che combattono per le stesse parole chiave. Si tratta di un errore di base. È essenziale che ogni post sia ottimizzato principalmente per una parola chiave.

Ovviamente, sarà Google a decidere se un post può essere posizionato per una o un’altra parola chiave. Ma il tuo lavoro come blogger è pianificare correttamente una strategia di parole chiave che ti consenta di posizionare ogni singolo post per ricerche di parole chiave specifiche.

Per fare ciò, è necessario creare un processo che includa i seguenti passaggi:

1.- Crea un elenco delle parole chiave per il tuo blog

Il primo passo in una strategia di parole chiave adatta è quella di scomporre le parole chiave che possono identificare il tuo blog. Per questo, devi essere chiaro sugli argomenti che di solito pubblichi. E trova i termini correlati che potrebbero aiutarti a posizionarti.

Per ottenere l’elenco delle parole chiave serve:

  • Effettuare sessioni di brainstorming. La prima cosa è aprire un foglio Excel e scrivere su di esso tutte quelle parole che ti vengono in mente. È possibile eseguire azioni su questo elenco iniziale per aumentare e perfezionarlo.
  • Utilizza la funzione di completamento automatico di Google. È interessante cercare ciascuno di questi termini in Google e incorporare le parole chiave fornite da Google stesso. Per fare ciò, puoi vedere i termini della funzione di completamento automatico.
  • Trova parole correlate a termini già selezionati. Google stesso indica anche una serie di parole correlate. Inoltre, puoi anche utilizzare una serie di strumenti come UberSuggest o MergeWords che, combinando e associando termini, ti offrono altre opzioni per completare l’elenco.

2.-Analizzare il traffico e il costo di ogni parola chiave

Dopo aver definito un primo elenco completo di parole chiave, è tempo di analizzare due dei fattori che ti aiuteranno in seguito a discriminare quali sono le parole chiave prioritarie:

  • Il volume di ricerche di ciascuna delle parole.
  • Il costo di ogni parola chiave nelle offerte AdWords.

Per ottenere questi dati, niente di meglio che utilizzare lo stesso Keyword Planner di Google, che, gratuitamente, indica questi due dati e altre informazioni che ti aiuteranno a prendere le decisioni migliori.

3.- Studia la concorrenza e ogni sua parola chiave

Con ciò che è stato fatto finora, hai già un elenco interessante e filtrato di parole chiave. In effetti, con i dati sul traffico e sui costi è già possibile effettuare una selezione importante.

Da questo momento in poi, entra in gioco l’analisi qualitativa. Per cominciare, è essenziale svolgere un lavoro analitico sulla concorrenza. Quindi la prima cosa è usare piattaforme come SEMRush, che ha strumenti per sapere quali brand sono ben posizionati con le parole chiave dell’elenco, sia nel posizionamento organico sia nelle strategie di pagamento.

Con questi dati puoi analizzare non solo le strategie della concorrenza, ma anche scoprire nuovi termini sui quali stanno lavorando. Parole chiave che potresti includere nell’elenco creato.

4.- Decidi e dai la priorità alle parole chiave su cui lavorare

L’ultimo passaggio di una strategia di generazione di parole chiave passa attraverso le seguenti attività:

  • Dai la priorità alle parole chiave in base ai dati precedenti.
  • Affina continuamente il processo per incorporare nuove parole chiave.
  • Decidi quale parola chiave associare a ciascuno dei post. E, in futuro, crea post specifici per ciascuna delle parole chiave scelte.

Yoast, un plugin per migliorare la SEO dei tuoi post

Probabilmente hai già scritto e pubblicato una serie di post su cui potresti lavorare di nuovo per posizionarti con una delle parole chiave selezionate. Come assicurarsi che il lavoro di posizionamento sia almeno quello di base necessario affinché Google ti identifichi? Come puoi fare in modo che ogni post si posizioni con una parola chiave specifica?

Un’opzione è disporre di strumenti che analizzino il post e ti dicano se è ben posizionato per una parola chiave specifica. Uno dei più noti è Yoast. Dispone anche di un plugin WordPress molto popolare, quindi se il tuo blog è generato su questa piattaforma puoi configurare Yoast in modo molto semplice.

Questa configurazione tiene conto di aspetti quali sitemap, robots.txt o htaccess.

Elementi essenziali per posizionare correttamente gli articoli pubblicati sul blog nei principali motori di ricerca.

Articoli e analisi Yoast

Prima di mostrare i diversi fattori di cui Yoast tiene conto, bisogna capire che è solo una guida su cui lavorare. Alcune basi vengono create in base a ciò che questa azienda pensa che Google apprezzi per posizionare un post.

Tuttavia, alcuni esperti di ottimizzazione dei motori di ricerca criticano l’uso di questi strumenti. Fondamentalmente perché pensano che questa automazione semplifica eccessivamente il lavoro che deve svolgere un SEO.

Cosa analizza Yoast?

Partendo, quindi, dal fatto che si tratta di un’analisi minima, Yoast considera i seguenti aspetti:

  • Stai collegando un’altra pagina con la parola chiave obiettivo per indicizzare una pagina specifica. È un errore molto comune. Qual è il senso del collegarsi a una pagina Web con la parola chiave con la quale si desidera posizionare un post specifico? Per essere correttamente indicizzati, è necessario evitare questi collegamenti.
  • La parola chiave target non appare nel primo paragrafo del testo. Non è essenziale ma è conveniente utilizzare le parole chiave nel testo il prima possibile.
  • Non ci sono collegamenti interni ed esterni. È conveniente includere almeno un collegamento interno e due esterni.
  • Il titolo SEO non contiene la parola chiave target. Il titolo è uno degli elementi più importanti. Pertanto, è necessario includere la parola chiave scelta.
  • Se hai utilizzato la parola chiave per altri post precedenti, Yoast ti avverte. Ricorda: è meglio creare una mappa di parole chiave e associare ogni post specifico a una parola chiave diversa.
  • Le immagini non hanno attributi alt che contengono la parola chiave target.
  • La densità delle parole chiave. Cioè, il numero di volte che appare nel contenuto.
  • La meta description non contiene la parola chiave target.
  • La lunghezza della meta description è insufficiente.
  • La parola chiave target non appare nei sottotitoli. Prova ad usarla in almeno un sottotitolo.
  • Il titolo della pagina non ha una lunghezza adeguata.
  • La parola chiave target non appare nell’URL di questa pagina.
  • Il testo non ha una lunghezza adeguata. Secondo Yoast, il minimo raccomandato è di 300 parole.

Fai parte dell’elenco dei media di Coobis? È una piattaforma di content marketing che può metterti in contatto con oltre 2.000 brand interessati ai tuoi contenuti. Iscriviti ora a Coobis!

I più popolari