Passaggi per configurare Google Analytics su un sito Web

Marketing digital

Uno dei maggiori errori di molti progetti non è la configurazione di Google Analytics su un sito Web. Senza queste informazioni è quasi impossibile per te sapere se i tuoi sforzi di marketing digitale stanno funzionando. Il che ti porta a prendere decisioni importanti alla cieca.

Perché è così importante configurare Google Analytics su un sito Web, indipendentemente dal fatto che sia stato appena creato o che sia già attivo e funzionante? Fondamentalmente perché Analytics è uno strumento che fornisce informazioni di qualità ottenute dal comportamento dei tuoi utenti.

Perché sono loro che lasciano una traccia quando visitano qualsiasi pagina del tuo sito web. Includendo il tag di Google Analytics sarai in grado di conoscere a fondo le risposte a domande chiave come:

  • Chi visita il tuo sito Web?
  • Da dove viene
  • Quali parole chiave usano per trovarti?
  • Una volta che sono sul tuo sito Web, quali pagine attraversano?
  • Quanto tempo trascorrono su ciascuno di essi e sul sito Web in generale?
  • Qual è la pagina di uscita principale?

5 passaggi per configurare Google Analytics su un sito Web

Se fosse difficile configurare Google Analytics su un sito Web, sarebbe utile valutare se valga la pena svolgere questa attività. Ma la realtà è che è un processo molto semplice. Anche per coloro che non sono abituati a lavorare con il codice.

L’unica cosa necessaria è utilizzare l’ambiente di Google. Qualcosa a disposizione della maggior parte degli utenti. Da lì, segui semplicemente i passaggi indicati.

Naturalmente, l’unica differenza sta nel gestore dei contenuti web utilizzato. Per lo più lo schema è simile ma ci sono sempre alcuni aspetti differenzianti. Fondamentalmente, lo spazio in cui è inclusa la tag fornita per configurare Google Analytics su un sito Web.

Devi attenerti alla seguente procedura per assicurarti che il sito Web sia registrato e sia possibile iniziare a ricevere dati sul comportamento degli utenti sul sito Web:

1.- Crea il tuo account Analytics

Google Analytics è uno strumento che fa parte dei servizi offerti da Alphabet gratuitamente. Quindi è assolutamente essenziale disporre di un account Google per qualificarsi per questo servizio.

Se disponi già di un account per uno dei suoi servizi come Gmail o YouTube, puoi accedere a Google Analytics. Altrimenti, dovrai creare un account Analytics per configurare Google Analytics su un sito Web.

Elementi di Google Analytics

Una volta effettuata la registrazione a Google Analytics, è importante conoscere le opzioni a grandi linee. La cosa principale è capire la gerarchia degli elementi che compongono lo strumento, come mostrato nell’immagine sopra. Gli elementi principali che devi comprendere da Google Analytics sono:

A.- Organizzazioni

Rappresentano aziende in grado di gestire utenti e autorizzazioni dei diversi prodotti, nonché integrazioni con altri prodotti. Pertanto, i prodotti e gli utenti sono raggruppati in organizzazioni.

B.- Account

Sono i punti di accesso ad Analytics. La cosa interessante è che un’organizzazione può avere più di un account Analytics. Naturalmente, per accedere allo strumento e identificare le proprietà da tracciare, è obbligatorio disporre di almeno un account Analytics. Da parte sua, ogni account Google Analytics può avere fino a 50 proprietà e queste, a loro volta, fino a 25 visualizzazioni.

C.- Proprietà

Sono costituiti da siti Web o applicazioni o dispositivi mobile. Sono gli spazi da cui vengono raccolti i dati. Pertanto, aggiungendo proprietà agli account, Analytics genera codici di monitoraggio che vengono utilizzati per raccogliere i dati delle proprietà corrispondenti. Come vedrai in seguito, il codice di monitoraggio include un ID univoco che identifica i dati delle proprietà e ne facilita l’identificazione nei report. Google Analytics crea anche una vista non filtrata per ogni proprietà aggiunta.

D.- Viste

Sono punti di accesso ai rapporti. Cioè, diversi modi per interrogare i dati di una proprietà in modo definito. Consentendo agli utenti di accedere a una vista, possono consultare i report corrispondenti ai dati in quella vista. Ovviamente, dallo strumento stesso viene sottolineato che all’interno di una proprietà possono esserci viste diverse. Per esempio:

  • Una vista con tutti i dati di un sito Web specifico.
  • Un altro che riflette solo il traffico AdWords verso quel sito Web.
  • Una vista che riflette solo il traffico verso un sottodominio specifico della pagina.

Autorizzazioni diverse per ciascun utente

Inoltre, lo strumento di analisi del sito Web consente di avere diversi tipi di utenti. Pertanto, gli utenti vengono aggiunti agli account Analytics a 3 livelli:

  • Account.
  • Proprietà.
  • Vista.

Inoltre, puoi limitare l’accesso a ciascuno di questi livelli. Quando si aggiunge un utente, è necessario identificarlo con un indirizzo e-mail registrato con Google e assegnare loro le autorizzazioni appropriate. A seconda delle autorizzazioni assegnate, l’utente può eseguire alcune delle seguenti azioni:

Gestire altri utenti.

Eseguire attività amministrative come la creazione di visualizzazioni e filtri aggiuntivi.

Consultare i dati dei rapporti.

2.- Registra il tuo sito

Dopo aver chiarito i diversi elementi che compongono Google Analytics e l’accesso allo strumento, è tempo di registrare il tuo sito web. Per fare ciò dovrai seguire questi 3 passaggi:

A.- Crea un account

Per fare ciò è necessario assegnare un nome all’account e quindi scegliere quali dati condividere sul proprio sito Web con lo strumento. La configurazione consigliata include:

  • Prodotti e servizi Google. Ti consente di condividere i dati di Analytics con Google per migliorare i tuoi prodotti e servizi.
  • Comparatives. Fornisce dati anonimi per aggiungerli a un insieme di dati totali allo scopo di abilitare funzioni come comparativi e pubblicazioni che possono aiutarti a conoscere le tendenze dei dati.
  • Assistenza tecnica. Un’opzione che consente ai rappresentanti dell’assistenza tecnica di Google di accedere all’account per trovare soluzioni a possibili problemi tecnici.
  • Specialisti dell’account. Questa opzione consente agli esperti di marketing e vendite di Google di accedere ai tuoi dati e all’account Google Analytics per suggerire miglioramenti nella configurazione e nell’analisi, nonché offrire suggerimenti di ottimizzazione.

B.- Definire una proprietà

Proprietà analitiche È il secondo passo. Si concentra su ciò che si desidera misurare esattamente. Le opzioni proposte da Google Analytics sono:

  • Misurare il sito Web per sapere da dove provengono gli utenti. Oppure analizzare il loro comportamento e scoprire le tendenze con analisi di conversione e prestazioni.
  • IOS e applicazioni Android. Comprendere l’aumento del numero di utenti per ottenere informazioni preziose sul loro comportamento nell’applicazione.

C.- Configura la proprietà

In quest’ultimo passaggio fornisci informazioni come il nome e l’URL esatto del sito Web che desideri analizzare. Inoltre, è necessario selezionare una categoria di settori proposti dallo strumento. Infine, indica il fuso orario per il quale verranno generati i diversi rapporti.

3.- Ottieni l’ID di monitoraggio

La creazione di una proprietà di Google Analytics genera un ID di monitoraggio e uno snippet di codice di monitoraggio JavaScript. Due elementi essenziali per configurare Google Analytics su un sito Web.

L’ID di monitoraggio è una stringa simile a UA-000000-2. La prima serie di numeri (-000000) si riferisce al numero del tuo account e il secondo (-2) si riferisce al numero di proprietà specifico associato all’account. Per individuare l’ID di monitoraggio, segui queste istruzioni:

  • Clicca su Gestisci.
  • Nel menu nella colonna Account, seleziona l’account appropriato.
  • Quindi, nel menu Proprietà, seleziona la proprietà che desideri monitorare.
  • In Proprietà, clicca su Informazioni sul monitoraggio> Codice di monitoraggio. L’ID di monitoraggio e il numero di proprietà sono visualizzati nella parte superiore della pagina.

4.- Installa l’ID di monitoraggio sul tuo sito web

La prossima cosa che devi fare per configurare il monitoraggio di un sito web è eseguire una delle seguenti azioni:

  • Aggiungi lo snippet di codice di monitoraggio completo a ogni pagina web che desideri monitorare. Ricorda che per configurare Google Analytics su un sito Web devi includere lo snippet di codice di monitoraggio subito dopo il tag <head> di apertura di ciascuna pagina.
  • In alcuni servizi di web hosting o content manager come WordPress non è necessario aggiungere lo snippet di codice di monitoraggio completo a tutte le pagine. Inserisci semplicemente l’ID di tracciamento in un campo specifico.

5.- Verifica che il codice di monitoraggio funzioni

C’è un ultimo passo che dovresti fare in modo che la configurazione di Google Analytics su un sito Web funzioni. Una volta installato correttamente il codice di monitoraggio di Analytics, i dati potrebbero non essere riportati nei report fino a quando non sono trascorse 24 ore.

Per verificare che la configurazione sia appropriata, puoi utilizzare Google Tag Assistant. Con questa estensione gratuita di Chrome puoi sapere se lo snippet di Google Analytics è attivato correttamente.

Pertanto, configurando Google Analytics su un sito Web è possibile ottenere i dati appropriati per valutare la propria presenza digitale. Un passaggio essenziale per generare entrate con i tuoi contenuti su una piattaforma professionale di branded content e influencer marketing come Coobis.

I più popolari