Migliora il branding di un brand con azioni degli influencers

Migliorare il branding di un’azienda con azioni di influencers è una delle migliori decisioni che può prendere un brand. Attraverso il marketing digitale e i social i brand possono avvicinarsi molto meglio agli utenti.

Per questo è facile migliorare il branding di un’azienda con azioni degli influencers.

Cos’è il branding di un’azienda

Il branding di un’azienda è il processo mediante il quale si costruisce un brand. Questo processo ingloba lo sviluppo e il mantenimento di un insieme di attributi e valori del brand.

Ossia, il branding di un’azienda riguarda tutte le azioni che realizza la stessa e che riguardano la mente del consumatore. Dalla grafica o il logo fino alle azioni e proposte più recenti.

Evidentemente parte di queste azioni inglobano le strategie pubblicitarie attivate dal brand. Il pubblico identifica il brand secondo le azioni che sta realizzando. Per questo ogni passo che fa l’azienda fino a trasformarsi in brand rapidamente riconoscibile per i clienti deve essere analizzata e basarsi su una strategia previa. E per questo uno degli obiettivi aziendali è migliorare il branding di un’azienda con azioni degli influencers.

Obiettivo

L’obiettivo principale del branding aziendale è differenziarsi dalla concorrenza. Ossia il brand deve essere facilmente riconoscibile e associarsi ai valori aziendali.

Questa differenziazione si ottiene con diversi attributi come vantaggi, valori, cultura, personalità e target. Un brand che ha saputo lavorare e creare il branding è Apple.

La maggior parte degli utenti e professionisti di settore sanno riconoscere i prodotti Apple. Che sia per il design o per le prestazioni. Il tutto fa sì che l’azienda non smetta di crescere.

Durante il primo trimestre dell’anno, Cupertino ha registrato vendite trimestrali per 88.300 milioni di dollari, crescendo del 13% riguardo al medesimo periodo dell’anno anteriore e stabilendo un nuovo record trimestrale storico. L’azienda ha registrato un introito netto trimestrale di 3,89 dollari per azione. Cosa che presume una crescita del 16% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Poche aziende si distinguono bene dalla concorrenza come Apple e crescono esponenzialmente.

Strategia di branding

Prima di migliorare il branding di un’azienda con azioni tramite influencers esistono elementi di gestione che rendono un brand diverso dall’altro. Allo stesso modo si tratta di aspetti che l’azienda può migliorare o cambiare in un momento dato per gestire la sua identità corporate.

1 – Conoscere il pubblico del brand

Ogni azienda deve conoscere la sua buyer persona o cliente ideale. Si tratta di un aspetto fondamentale nell’elaborazione di una strategia imprenditoriale.

Conoscere il cliente è la base della creazione di qualsiasi strategia di marketing. Per questo l’azienda deve essere esaustiva quando definisce i profili di questi clienti.

La differenza tra cliente potenziale e buyer persona è sostanziale. Il primo può arrivare a comprare un prodotto del brand. Il secondo ha delle motivazioni per farlo. Per questo è importante conoscere la buyer persona dato che è ciò che assomiglia di più a un cliente fedele. Oltre a effettuare alcuni acquisti è probabile che si leghi al brand. in questo modo la buyer persona è un cliente che si fida del brand e potrebbe assomigliare a un cliente fedele.

Per creare il profilo della buyer persona l’azienda deve creare un profilo realistico e basarsi sulle motivazioni non sui comportamenti. Conoscere la buyer persona è fondamentale per creare strategie e avvicinare gli utenti al brand.

Profilo della buyer persona

Nel processo di creazione di profili è molto importante determinare qual è la motivazione che porta la persona a realizzare un acquisto. Questa motivazione sarà il punto di partenza della strategia di comunicazione e marketing. La strategia dell’azienda sarà focalizzata sul cliente ideale. Più grande è la conoscenza del cliente maggiore sarà la capacità del brand di arrivare a emozionare il cliente.

Per creare il profilo della buyer persona l’azienda deve accedere a informazioni demografiche, l’identificazione del sesso, interessi, età, popolazione, ecc. Ma il profilo del cliente ideale non sarà completo se non si considerano aspetti emozionali che riguardano la decisione di acquisto.

La buyer persona è una persona dinamica che si evolve. E il profilo che può realizzare l’azienda migliora man mano che si aggiungono dati estratti dall’analisi del processo di acquisto. Ogni dettaglio aiuta a identificare le modificazioni di acquisto della buyer persona.

2 – Analisi del brand

Prima di effettuare qualsiasi azione o campagna, come brand devi conoscere forza e debolezze. Allo stesso modo devi sapere a che punto dell’imbuto di conversione si trova.

Un brand può essere leader in un mercato molto specifico, come quello nazionale, e ovviamente fare poco a livello internazionale. Per sviluppare una strategia di branding devi avere chiaro qual è la tua situazione e quale obiettivo raggiungere. In questo modo è più semplice determinare quali azioni si portano a termine con gli influencers.

3 – Determinare la strategia

Ci sono tre strategie per creare o sviluppare il profilo dell’identità corporate.

A – Strategia di associazione. Cercare di imitare gli attributi del leader per assicurare che una parte del successo dell’immagine si proietti sul brand, è un tipo di strategia poco creativa e poco produttiva. I vantaggi arrivano al leader e nel caso di una crisi d’immagine provocata da questi attributi imitati, il brand sarà colpito negativamente.

B – Strategia di differenziazione. Come indica il nome, cerca di differenziarsi dalla concorrenza. Il brand si differenzia attraverso gli attributi principali del settore.

C – Strategia mista. È un tipo di strategia propria dei brand che entrano in un settore. All’inizio si prendono altri attributi e col tempo si cercano i propri.

Migliorare il branding di un’azienda con azioni degli influencers

Per migliorare il branding di un’azienda con azioni degli influencers e attivare una strategia di marketing adeguata devi determinare gli scenari dove si sviluppa la strategia stessa. Questi scenari, se sono online o offline, hanno le loro strategie di azione.

Nel digital marketing uno dei migliori strumenti di branding sono gli influencers. Agiscono sui social, dove si trova il tuo pubblico. Inoltre gli influencers sono già dotati di un’immagine del brand basata sui followers e si tratta di una delle più potenti.

Per questo inserire un influener nel branding di un’azienda aiuta a ottenere più qualità negli utenti mentre cresce l’identità corporate.

Vantaggi delle azioni con influencers

  • Credibilità. Gli influencers che fanno da ambassadors apportano un valore aggiunto al brand e lo umanizzano.
  • Reach. Gli influencers hanno la capacità di amplificare il messaggio dei brand e raggiungere parte del pubblico target. Il marketing on influencers è un altoparlante che può mettere in contatto l’azienda con nuovi voci, forme di coinvolgimento e nuovi clienti.
  • Conversioni e fidelizzazioni. Circa il 70% delle aziende afferma di sentirsi soddisfatta con le azioni di marketing tramite influencers gestite. L’influencer agisce come una guida della community e con la sua influenza si allinea con gli interessi del brand.

Azioni con influencers

Dopo aver analizzato la situazione del brand nel mercato e determinato la buyer persona che interessa così come l’obiettivo da seguire, il brand deve trovare l’influencer adeguato.

Da un lato bisogna considerare il numero dei followers che sia rilevante. Ovviamente i followers non lo sono tutti. Ci sono altri fattori come l’interazione con l’audience e i contatti.

Per questo il brand deve trovare un influencer che condivida i suoi interessi, non precisamente quello che ha più followers. Oltre all’eco mediatico che può generare, è importante che il target dell’influencers assomigli al brand. In questo modo sarà più facile che gli utenti siano interessati e convertano.

A partire da qui il brand può attivare diverse strategie con l’influencer.

1 – Incontri con influencers

La prima delle azioni per migliorare il branding di un’azienda con azioni con influencers è la meno utilizzata. Un brand può organizzare un evento con influencers o fare in modo che essi conoscano i loro followers. Così il brand si presenta come ponte amichevole in entrambe le realtà.

L’influencer appoggerà il brand per il servizio che presterà e allo stesso tempo gli utenti si dirigeranno verso l’incontro. Questo spostamento può anche essere considerato come un’opportunità per fare in modo che il cliente compri.

Ovviamente il problema principale di questa azione è che richiede uno spostamento. Questo tipo di azioni può essere gestita solo nelle città dove si concentra un gran numero di utenti dell’influencer, come le capitali.

2 – Coupons sconto o regalo

È un modo efficace per generare traffico verso la pagina del brand e migliorare il branding di un’azienda con azioni degli influencers. Il pubblico che utilizza lo sconto dell’influencer viene resgistrato. Un’altra alternativa agli sconti potrebbe essere un sorteggio.

I brand che vogliono migliorare il branding possono inviare prodotti agli influener perché li sorteggino. Si tratta di una collaborazione apprezzata e che piace agli utenti.

Allo stesso tempo se il brand sceglie con cura l’influencer la sua immagine di brand cresce e si valorizza. Il brand si avvicina in maniera amichevole agli utenti che si fidano.

3 – Post e pubblicazioni

Il brand ha l’opportunità di far vedere i suoi prodotti attraverso gli influencers. Nel posti si può segnalare il contenuto informando relativamente all’uso del prodotto. L’influencer mostra di utilizzare il prodotto e genera fiducia.

Allo stesso modo può parlare dei vantaggi del prodotto. Il tutto rafforza l’immagine del brand aziendale.

Un dettaglio curioso è che le menzioni sui social o sui siti sono anche utili. Microsoft ha ottenuto 91 milioni di visite con 30 post.

4 – Seleziona gli ambassadors

Un brand sceglie un ambassador quando vuole mantenere una relazione a lungo termine. In questo caso i followers dell’influencer coincidono in gran misura con quelli del brand.

Questo tipo di azione richiede più lavoro, più investimenti ma ottiene anche più vantaggi. Con questo tipo di campagna l’immagine del brand può cambiare radicalmente. Dato che un ambassador può prestare la sua immagine al brand. in questo modo possono arrivare ad associarsi influencer e brand.

Le aziende possono migliorare il branding di un’azienda con azioni degli influencers. Le azioni sono relativamente semplici da gestire e ottengono grandi risultati.

A riguardo Coobis è una piattaforma di content marketing che mette in contatto i brand con diversi media o, in questo aso, con influencers. Il brand ha l’opportunità di stabilire relazioni con influencers che condividono i suoi interessi e il target per collaborare a progetti comuni. Questi progetti possono essere interessanti soprattutto per migliorare il branding.