Linguaggio inclusivo nei social network: come applicarlo correttamente

Social Media
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Il linguaggio inclusivo sui social media è uno degli argomenti più scottanti. Le manifestazioni e le richieste dei movimenti femministi riguardo l’8M l’hanno posto in cima alla lista dei problemi principali da affrontare.

Esiste un modo appropriato per utilizzare il linguaggio inclusivo nei social network, canali in cui ti rivolgi alle audience più eterogenee.

Tipi di genere

Linguaggio inclusivo nei social network
Il primo passo da compiere per effettuare una valutazione del linguaggio inclusivo nei social network è definire esattamente il concetto, lontano da dibattiti e controversie.

«Le espressioni non sessiste del linguaggio inclusivo sono utilizzate in varie discipline che indagano gli effetti del sessismo e dell’androcentrismo sul linguaggio. Questo linguaggio cerca di evitare il pregiudizio verso un sesso o un genere sociale in particolare “, spiega Wikipedia.

Questo porta direttamente a identificare il concetto di genere nella nostra lingua. Una questione fondamentale per il linguaggio inclusivo nei social network. Quindi, a livello generale:

  • Il genere grammaticale si manifesta in nomi, aggettivi, articoli e anche in alcuni pronomi.Nei nomi e negli aggettivi c’è solo il morfema di genere maschile e di genere femminile.
  • Il genere neutro è stato preservato in poche parole come ‘qualcosa’.

Quando si lavora con un linguaggio inclusivo sui social media è importante non confondere questi elementi che sono intrinsecamente collegati:

  • Il genere grammaticale è una categoria applicata alle parole.Da parte sua, esiste il genere come costrutto socioculturale: ruoli, comportamenti, attività e attributi che una data società in un dato momento considera appropriati per gli esseri umani di ogni sesso.
  • Sesso biologico, che è il tratto biologico degli esseri viventi.

Modi per esprimere il genere

Ci sono diversi meccanismi per contrassegnare il genere grammaticale e il sesso biologico:

  1. Finali: ragazza / -o.
  2. Opposizione di parole: padre-madre.
  3. Il determinante con nomi comuni riguardo al genere: lo studente, questo / questa rappresentante.
  4. Esistono anche parole specifiche (nomi epiceni) che hanno un solo genere grammaticale e designano tutte le persone indipendentemente dal sesso biologico: la vittima, la persona.

Inoltre, secondo le Nazioni Unite (ONU), le principali sfide per la comunicazione inclusiva in termini di genere sono:

  • La confusione tra genere grammaticale, genere socioculturale e sesso biologico.
  • Il livello di conoscenza delle risorse offerte dalla lingua stessa per farne un uso inclusivo nella norma.
  • Associazioni peggiorative che hanno ereditato alcuni termini equivalenti femminili riguardo al sessismo sociale.

Standard delle Nazioni Unite per l’uso corretto del linguaggio inclusivo sui social media

Le Nazioni Unite hanno stabilito una serie di strategie per il personale delle Nazioni Unite per utilizzare un linguaggio inclusivo di genere. Queste strategie possono essere applicate a tutti i tipi di situazioni comunicative, orali o scritte, formali o informali, con un pubblico sia interno che esterno.

Alcune di queste strategie, che sono perfettamente adatte all’uso del linguaggio inclusivo nei social network, sono:

A.- Uso del maschile in modo generico

Si raccomanda di non utilizzare il maschile con valore generico quando si fa riferimento alle persone in generale. Invece, si può anteporre la parola persona. Ad esempio, “la persona rifugiata” invece di “il rifugiato”.

B.- Uso del plurale maschile con valore generico per designare i gruppi

Allo stesso modo, l’uso della parola persona o l’uso di nomi collettivi è raccomandato quando si fa riferimento a gruppi con persone diverse o ci si riferisce a generi diversi in modo inclusivo. Ad esempio, “la gente giovane” o “gioventù” invece di “giovani”.

C.- Uso del maschile plurale nelle categorie

Evita di fare riferimento a gruppi di popolazione usando il plurale maschile, invece si consiglia di usare le persone, la popolazione o la comunità. Ad esempio, “la comunità colombiana” invece di “i colombiani”. Inoltre, evitare di fare riferimento a donne in posizioni o gruppi in modo congiunto con gli uomini, invece di riferirsi a generi diversi o usare parole che abbracciano adeguatamente il gruppo. Ad esempio, “personale dell’UNHCR” invece di “funzionari dell’UNHCR”.

D.- Uso dell’articolo “uno” per riferirsi genericamente alle persone

È possibile sostituirlo con qualcuno che o chiunque senza alterare il significato della frase.

E.- Uso discriminatorio del femminile per designare professioni e mestieri comuni e uso maschile per professioni prestigiose.

Elimina le nozioni tradizionali e arcaiche legate a professioni rivolte a un genere specifico Ad esempio, “equipaggio di volo” invece di “piloti e hostess”.

Risorse utili e adeguate

Linguaggio inclusivo nei social network
Il linguaggio inclusivo sui social media utilizza numerose tecniche per servire al suo scopo di evitare pregiudizi verso un particolare sesso o genere sociale. Si tratta sempre di non lasciare esclusi ampi gruppi sociali come le donne o le persone di genere non binario.

L’espressione genere non binario si applica alle persone che non si percepiscono come maschio o femmina e che possono identificarsi con un terzo genere o nessuno dei due. Tutto ciò si ottiene evitando il maschile generico e utilizzando risorse utili e adeguate.

1.- Duplicità di generi

Consiste nell’optare per l’inclusione di entrambi i sessi. Ci sono migliaia di esempi: “I professori e le professoresse hanno scioperato”. Il problema è che le persone di genere non binario non sono incluse.

2.- Scommetti sul termine collettivo

Continuando con l’esempio sopra, la seguente frase potrebbe essere utilizzata come risorsa per rendere un uso corretto del linguaggio inclusivo: “Gli insegnanti sono andati in sciopero”. Se esiste un nome collettivo, il suo utilizzo è consigliato per evitare problemi di genere. Questa possibilità consente anche di includere persone di genere non binario.

3.- Il potere della @

Si tratta di sostituire una lettera per evitare il maschile generico. È la risorsa più rappresentativa del linguaggio inclusivo e quella che funziona di più sui social network. Consiste nel sostituire il maschile generico con una lettera o un simbolo.

4.- Il neutro funziona sempre

È la stessa tecnica dell’uso della parola che designa il gruppo. Questo per usare un’espressione che include chiunque lo legga a prescindere dal gruppo di appartenenza: “Lo sciopero è stato seguito da tutti nell’istituto”.

5.- Femminile generico

È una posizione più radicale ma è anche una delle più impegnative. Consiste semplicemente nel sostituire il generico maschile con il generico femminile. “Tutte le insegnanti dell’istituto hanno scioperato”, invece di “Tutti gli insegnanti dell’istituto hanno scioperato”. O, più semplicemente, “Buongiorno a tutte” per “Buongiorno a tutti”.

6.- Professioni e incarichi

Una delle tecniche più affermate. Non più l’avvocato. Per parlare, scrivere e pubblicare con un linguaggio inclusivo sui social network, dovrebbe essere: ‘l’avvocata’.

Qui entra in gioco anche la separazione dei ruoli per professioni negli stessi settori o luoghi di lavoratori. Ad esempio: “Medici e infermieri hanno aderito allo sciopero”. La stessa cosa accade con “i piloti” e “le hostess”, due forme ampiamente utilizzate nel settore del trasporto aereo.

Vantaggi del linguaggio inclusivo

Linguaggio inclusivo nei social network
Perché incorporare un linguaggio inclusivo nella tua strategia sui social media? Perché il suo utilizzo fornirà solo reazioni positive.

I valori. Quando comunichi rifletti i tuoi valori. In questo caso, con l’uso del linguaggio inclusivo nei social network rifletti una sensibilità verso il femminismo, la lotta per l’uguaglianza tra uomini e donne.

L’accettazione. E non si tratta solo delle donne. I giovani di oggi sono inclini a questo tipo di linguaggio inclusivo sui social media.

La connessione. Un uso corretto del linguaggio inclusivo nei social network ti porta a entrare in contatto con un pubblico che probabilmente non ti ascolterebbe altrimenti. È un pubblico coscienzioso.

Esempi di campagne sui social media con linguaggio inclusivo

Oggi ci sono molti esempi di brand e organizzazioni che si impegnano nell’uso del linguaggio inclusivo nei social network. Questi sono solo 2 esempi che dimostrano che si tratta di un percorso che presto verrà seguito da quasi tutti i brand:

Il programma televisivo Operación Triunfo utilizza un linguaggio inclusivo sui social network. Infatti, il linguaggio inclusivo è costantemente presente sul suo account Twitter. È stata scelta l’opzione di sostituire una lettera con una x.

Il brand automobilistico francese Citroën è stato anche uno dei pionieri nell’uso di un linguaggio inclusivo nei suoi messaggi. Sceglie quindi di utilizzare la stessa risorsa: «Non perdetevi l’articolo di @MovilidadHoy chicxs! Il nostro # CitroënAmi è uno dei protagonisti.

In questi due casi si osserva perfettamente l’evoluzione del linguaggio nei social network. Oltre ad aggiungere hashtag, tag ed emoticon, il tentativo di utilizzare espressioni inclusive è sempre più apprezzato. Non sai dove trovare altri esempi? Sulla piattaforma di Branded Content, SEO & Influencers Coobis puoi scoprire i messaggi di oltre 25.000 media e influencer.

I più popolari