Intenzione di ricerca nella SEO: guida efficace

SEO

L’intenzione dell’utente, spesso indicata come intenzione di ricerca nella SEO, è uno degli approcci più preziosi per il successo di una strategia di posizionamento di Google. E questo, indipendentemente dalla campagna SEO che stai gestendo.

Uno dei più grandi errori commessi nell’arena del marketing digitale è quello di concentrarsi troppo sulle parole chiave personalizzate. E anche nel volume di ricerca come indicatore del successo. Si dimentica un pezzo fondamentale: l’intenzione di ricerca nel SEO.

Cos’è l’intenzione di ricerca in SEO?

Cos’è l'intenzione di ricerca
L’intenzione di ricerca SEO è l’obiettivo principale che un utente ha quando scrive una query su un motore di ricerca. Cioè, è la ragione per cui una persona deve fare una query.

Comprendere e ottimizzare l’intenzione dei tuoi clienti è essenziale per la SEO. Il modo in cui l’utente cerca le risposte si è evoluto ed è cambiato nel corso degli anni. E con questa modifica, gli algoritmi dei motori di ricerca sono stati ottimizzati per restituire i risultati più pertinenti possibili.

Ad esempio, supponiamo che tu voglia cucinare del pesce per cena. Ma hai fame e vuoi mangiare adesso. Quindi vai su Google e cerca “ricette veloci di pesce”. Il primo risultato su cui fai click sembra inizialmente buono.

Ma ti rendi presto conto che la ricetta richiede più di un’ora per essere realizzata. Quindi fai click sugli altri risultati della ricerca per trovare qualcos’altro. Finalmente trovi quello che stai cercando: un risultato che presenta una ricetta che richiede 10 minuti dall’inizio alla fine. Ed è esattamente quello che stai cercando.

Pertanto, se un numero sufficiente di persone alla ricerca di una “ricetta per pesce veloce” ottiene quanto sopra, quel risultato otterrà un miglioramento di posizione significativo delle SERP.

Perché l’Intenzione di ricerca è importante nella SEO?

In conclusione: soddisfare l’Intenzione di ricerca è in definitiva l’obiettivo numero 1 di Google. Quindi, se vuoi avere successo con SEO e content marketing oggi, l’intenzione di ricerca SEO dovrebbe essere una parte importante del tuo approccio.

Google ha recentemente pubblicato un rapporto chiamato: “Come l’intenzione di ricerca sta ridefinendo la canalizzazione di marketing”. Cos’altro si può dire allora? In altre parole: i backlink e altri segnali di posizionamento tradizionali di Google sono ancora importanti. Ma se la tua pagina non soddisfa l’Intenzione di ricerca, non verrà classificata correttamente.

Best practice per le intenzioni di ricerca nel SEO

Sai già cos’è l’intenzione di ricerca SEO e perché è così importante. Ora sarebbe bene sapere cosa devi fare per arrivare a soddisfare questa intenzione degli utenti e posizionarti su Google. Prendi nota di questi suggerimenti per raggiungere questo obiettivo:

1.- Scopri l’intenzione di ricerca del tuo acquirente

l'intenzione di ricerca
Prima di digitare una sola parola, sei tenuto a dare un’occhiata all’intenzione di ricerca della tua parola chiave.

Il 99% di tutti i termini di ricerca rientra in 4 diverse categorie di intenzioni: informativo, navigazione, commerciale e transazionale. Questi sono esempi di ciascuna categoria:

1.- Informativo

2.- Navigazione

3.- Commerciale

  • Dischi in vinile di Bob Dylan.
  • I migliori laptop.
  • Libri di Virginia Woolf.

4.- Transazionale

  • Prezzi dell’assicurazione auto.
  • Acquista verdure online.
  • Voli da Madrid a Fuerteventura.

Analizza i risultati delle parole chiave per cui vuoi ottenere risultati

Di solito puoi scoprire l’intenzione di ricerca in base alla parola chiave stessa. Ad esempio, una parola chiave come “acquista un supporto per tablet” è ovviamente commerciale. Tuttavia, se il termine di ricerca è “la chiave per scegliere il miglior supporto per tablet”, l’intenzione è chiaramente informativa.

Anche se l’intenzione di ricerca è ovvia, dovrai comunque vedere le pagine che sono già posizionate per quella parola chiave. I siti Web che compaiono sulla prima pagina del motore di ricerca hanno ovviamente superato il test dell’intenzione dell’utente di Google.

Altrimenti verrebbero sepolti nelle pagine successive. Pertanto, dovrai creare una pagina che corrisponda strettamente a ciò che si trova nei primi risultati.

Ad esempio, dai un’occhiata alla parola chiave “backlink checker” e inseriscila nel motore di ricerca. Cosa noti dei risultati? Sono tutti strumenti. In altre parole: le persone che cercano “backlink checker” non vogliono contenuti su come funzionano i backlink checker. Vogliono uno strumento che li aiuti in questa attività.

D’altra parte, guarda i risultati per il “miglior controllo backlink». Questa volta, i risultati che vedrai sono dominati dal contenuto che descrive gli strumenti migliori. Ecco perché è così importante fermarsi e indagare per scoprire l’intenzione di ricerca.

2.- Ottimizza l’esperienza utente

Ottimizza l'esperienza utente
Potresti chiederti come Google sappia che una pagina è adatta alle intenzioni di ricerca. La piattaforma osserva come le persone interagiscono con le SERP. Quindi verifica se alle persone non piace un risultato di ricerca specifico. E se scopre che un risultato di ricerca non è una buona scelta per una parola chiave, ti classificherà più in basso.

In particolare, Google non vuole vedere gli utenti incollati ai risultati di ricerca. Invece, vuole vedere la gente ottenere il risultato desiderato. E ottenere la risposta alla tua query di ricerca da quella singola pagina. Quindi, quando si tratta di SEO l’esperienza dell’utente è la chiave.

Ecco alcuni suggerimenti per garantire che i motori di ricerca di Google abbiano un’ottima esperienza con i tuoi contenuti:

  • Limita le finestre popup. A Google non piacciono i popup. E nemmeno agli utenti. Pertanto, se si utilizza un popup, si consiglia di utilizzarlo solo con “tentativo di uscita” abilitato.
  • Caratteri superiori a 14 pixel. Puoi avere il miglior post scritto sul blog. Ma se è difficile da leggere, la gente uscirà e ne cercherà un altro.
  • Usa i sottotitoli. I motori di ricerca di Google vogliono che le loro risposte siano veloci. Ciò significa che non leggeranno ogni parola sulla tua pagina. I sottotitoli consentono agli utenti di sfogliare i tuoi contenuti e comprendere i punti principali.
  • Usa video e immagini. Ciò semplifica l’utilizzo e la comprensione dei tuoi contenuti.
  • Controlla Google Analytics. Concentrati sul miglioramento della frequenza di rimbalzo. Utilizza le metriche della durata della sessione nelle pagine chiave.

3.- Migliora i contenuti esistenti

Hai una pagina sul tuo sito che “dovrebbe” essere classificata ma non lo è? In tal caso, probabilmente hai un problema di intenzione di ricerca. Quindi non limitare questo processo solo ai nuovi contenuti che pubblichi.

In effetti, tornare indietro e riottimizzare i vecchi contenuti per gli scopi di ricerca SEO è uno dei modi più veloci per ottenere più traffico organico sul tuo sito web. Soprattutto quando fai un controllo completo dei contenuti sul tuo sito.

4.- Ottimizza le pagine commerciali

Ottimizza le pagine commerciali
Ecco qualcosa di importante da tenere presente sull’intenzione di ricerca: non si tratta solo di contenuti. In effetti, ci sono tonnellate di termini di ricerca in cui le persone non vogliono contenuti. Invece, vogliono comprare qualcosa, iscriversi per una prova gratuita o ottenere un preventivo.

Ad esempio, cerca con Google la parola chiave “router Cisco wireless”. Potresti essere tentato di creare un contenuto di alta qualità con quella parola chiave. Ma sarebbe un errore.

Come la maggior parte delle parole chiave che includono un prodotto specifico, questo termine ha intenti transazionali specifici. E i risultati della ricerca supportano questo obiettivo.

Troverai in questo caso ogni pagina del prodotto e-commerce. Non c’è letteralmente un singolo post o articolo di blog tra i primi 10 risultati. Quindi, se vuoi classificare una pagina per questa parola chiave, dovrai creare una pagina ottimizzata per gli scopi di ricerca.

5.- Query di navigazione

Le query di navigazione aiutano le persone a trovare un sito web specifico. O una pagina su un sito web, ad esempio la home page o lo spazio “Chi siamo”. Ad esempio, qualcuno che cerca “Prezzi MDirector” desidera visualizzare la pagina dei prezzi di MDirector.

Anche se puoi posizionarti per le ricerche di navigazione, la tua percentuale di click sarà probabilmente bassa. Questo perché le persone che cercano questi termini non vogliono visitare un sito web di terze parti.

6.- Ricerca avanzata per l’ottimizzazione delle intenzioni

Una cosa è determinare se l’intenzione di ricerca in SEO è commerciale o transazionale. Un’altra è portare questo processo al livello successivo: dovresti considerare altri aspetti. Ad esempio, scegli una parola chiave come “cuffie anti rumore”. Ovviamente, c’è una forte intenzione transazionale legata a questa parola chiave.

Ma cosa significa quello esattamente? È transazionale nel senso che sei pronto per l’acquisto in questo momento? Oppure la persona che cerca quella parola chiave considera ancora diverse opzioni? La risposta si trova di solito nei risultati di ricerca.

Qualcuno che cerca questa parola chiave è ancora all’inizio del processo di acquisto. Quindi vuole contenuti transazionali, ma presenta anche alcune diverse opzioni comparative.

Ora sai come posizionare i tuoi contenuti dando valore all’intenzione di ricerca SEO. Quindi essere presente sulla prima pagina dei risultati ti aiuterà a guadagnare entrate.

Ma non è l’unico modo per raggiungere questo obiettivo. Puoi anche aumentare le tue entrate scommettendo sulla piattaforma di Branded Content e Influencer Marketing Coobis. Pubblica contenuti sponsorizzati sul tuo sito Web o sui social network e riempi il tuo salvadanaio.

I più popolari