Google tiene già conto dei link nofollow

SEO

Google lo ha annunciato a settembre 2019: dal 1 marzo prende già in considerazione i link nofollow: li indicizza e li traccia. Il tag rel = “nofollow” è uno dei tag HTML più semplici. E, inoltre, è uno dei più cruciali quando si parla di SEO.

Ma cosa significa attivare questa funzionalità da parte del gigante dei motori di ricerca per il mondo dei programmatori e degli specialisti SEO?

A differenza di quanto accaduto all’origine di questo tag, ora possiamo raccogliere dati su singoli collegamenti. È possibile includendo le parole nell’anchor text.  Inoltre, consente di valutare i collegamenti nel loro insieme per identificare meglio gli schemi dei collegamenti, pur considerando i segnali degli attributi.

Cosa dice Google a riguardo?

Google prende già in considerazione i collegamenti nofollow. Sebbene i collegamenti nofollow siano presenti sul web da quasi 15 anni, Google sottolinea che con questa modifica stanno cercando di migliorare le ricerche; “I collegamenti contengono informazioni preziose che possono aiutarci a migliorare la ricerca, ad esempio il modo in cui le parole all’interno dei collegamenti descrivono il contenuto”, ha affermato in una nota.

Allo stesso modo, il motore di ricerca spiega che “l’osservazione di tutti i collegamenti che troviamo può anche aiutarci a capire meglio i modelli di collegamenti non naturali. Passando a un modello in cui trattiamo questi schemi come “indizi”, non perderemo più queste informazioni importanti, consentendo allo stesso tempo ai proprietari dei siti di indicare che alcuni link non dovrebbero essere considerati”.

Ciò significa che Google ritiene che l’attributo “nofollow” non sia il modo indicato per deindicizzare i collegamenti sul tuo sito. Questo attributo deve essere utilizzato solo per indicare quali collegamenti si desidera consentire.

Quindi cosa dovresti fare se hai link nofollow sul tuo sito web?

Anche se sembra che le cose siano un po’ in salita per coloro che si dedicano al SEO, Google assicura che non sia necessario apportare modifiche. Puoi lasciare gli attributi nofollow che hai attualmente.

In tal caso, la prima cosa che dovresti controllare per evitare errori è il modo in cui usi i tuoi attributi “nofollow”. Se stai utilizzando l’attributo “nofollow” su link a pagamento o contenuti generati dagli utenti, la buona notizia è che non dovresti fare nulla. Google continuerà ad accettare l’uso di questo attributo in questo modo.

Per i collegamenti a pagamento o contenuti generati dall’utente d’ora in poi l’ideale sarebbe iniziare a usare i nuovi attributi. Contrassegnare un collegamento generato dall’utente come collegamento “sponsorizzato” non sarà un problema. Tuttavia, contrassegnare un link a pagamento come UGC potrebbe comportare una penalizzazione, quindi assicurati di contrassegnare i tuoi link a pagamento come “sponsorizzati” o “nofollow”.

Sono i nuovi attributi?

Tra le altre modifiche che Google ha annunciato a settembre, spiccano due nuovi attributi per i link. Questi collegamenti possono essere classificati in tre modi quando si determina il flusso:

  • rel = »sponsorizzato«: questo attributo deve essere utilizzato nei collegamenti che sono stati aggiunti ai tuoi contenuti mediante pubblicità, sponsorizzazioni o altri accordi in cui ti viene rimborsato del denaroper aver incluso quel collegamento.
  • rel = »ugc«: l’acronimo UGC risponde a «contenuto generato dall’utente». Questo attributo dovrebbe essere usato per dire a Google che il link è stato inserito da un utente in un commento sul forum e non da te come proprietario del sito.
  • rel = »nofollow«: questa proprietà continuerà ad esistere al fine di sottolineare che non si desidera condividere il collegamento del link con quel link, ma che non rientra nelle categorie di contenuti generati dagli utenti o contenuti sponsorizzati.

In che modo i link non seguono i vantaggi SEO?

Diamo una breve occhiata a ciò che Google dice sul modo in cui gestiscono i collegamenti nofollow; “Google non trasferisce PageRank né collega il testo attraverso questi collegamenti.”

Tutto ciò sembra abbastanza chiaro finché non leggi la frase che la precede: in generale, non le seguiamo. Ciò significa che Google non trasferisce PageRank o non collega il testo attraverso questi collegamenti.

Tuttavia, gli specialisti ritengono che sebbene i collegamenti non sviluppati non abbiano un impatto diretto sul SEO, possono avere un impatto indiretto perché:

A.- Aiutano a diversificare il profilo del tuo link

I profili di backlink naturali sono diversi. Alcuni collegamenti sono seguiti e altri non sono seguiti. Questo fatto è inevitabile perché alcune persone si collegheranno senza dubbio al tuo sito attraverso collegamenti non seguiti.

Inoltre, la maggior parte dei backlink li ottieni da link nofollow, come ad esempio:

  • Social network (Facebook, Twitterer, YouTube ecc.)
  • Forum (Reddit, Quora, ecc.)
  • Comunicati stampa
  • Wikipedia (suggerimento: chiunque può modificare una pagina di Wikipedia)
  • Pingbacks
  • Ranking

In parole povere, se un sito Web ha seguito solo backlink o una percentuale notevolmente elevata di essi, questo è un segnale rivelatore che sta succedendo qualcosa di sospetto.

B.- Possono proteggere dalle sanzioni di Google

A volte ci sono motivi legittimi per pagare i collegamenti. Se un sito Web riceve molto traffico, acquistare un post sponsorizzato su quel sito può avere molto senso. Inoltre, se stai pagando un buon prezzo per una funzione, probabilmente vorrai includere un backlink in modo che i lettori possano facilmente trovare il tuo sito web.

Il problema? Google afferma che i link a pagamento seguiti sono contrari alle sue “Linee guida per i webmaster“. Detto questo, la comunità SEO è generalmente divisa in due campi:

  • Coloro che credono che Google sia in grado di identificare accuratamente i link pagati algoritmicamente.
  • Coloro che ritengono che Google non sia in grado di identificare accuratamente i link pagati algoritmicamente.

Come controllare il tuo sito Web per problemi relativi ai link nofollow

Seguire i backlink che violano le Linee guida per i webmaster di Google è rischioso. Lo stesso vale per i collegamenti in uscita sul tuo sito Web che non devono essere seguiti.

Ma non si tratta solo di Google (vale a dire sanzioni su DA o posizionamento). Può anche succedere che alcuni link interni nofollow stiano ostacolando le tue prestazioni SEO.

Di seguito sono riportati i passaggi per eseguire un controllo rapido per identificare ed eliminare tali problemi. Seguire questi passaggi e in questo modo ti permette di evitare inutili periodi di inattività e perdite:

1.- Cerca backlink seguiti da anchor ricchi di parole chiave

Le persone non useranno anchor di corrispondenza esatte durante il collegamento al tuo sito. Ecco perché i collegamenti tracciati con ancore di corrispondenza esatta possono essere un segno di manomissione del backlink.

2.- Guarda i backlink dei contenuti sponsorizzati

I backlink dei post sponsorizzati devono essere sempre presentati come nofollow. Questo perché stai effettivamente pagando il link, quindi il PageRank non dovrebbe passare.

3.- Cerca nel tuo sito collegamenti in uscita ricchi di parole chiave

Sapevi che Forbes non ha seguito tutti i suoi link in uscita nel 2017? Questa mossa è arrivata dopo aver notato che alcuni dei loro collaboratori vendevano link seguiti dai loro articoli.

Poiché hanno così tanti collaboratori, hanno deciso che era impossibile esaminare tutti i link sul sito e quindi hanno scelto di non seguire tutto.

Perché è rilevante? Perché se hai mai accettato post degli ospiti sul tuo sito o hai contenuti generati dagli utenti, potresti avere lo stesso problema in pochissimo tempo.

Google spiega l’importanza di questo in un modo migliore: “Se non puoi o non vuoi rispondere per il contenuto delle pagine a cui ti colleghi dal tuo sito, ad esempio commenti di utenti inaffidabili, non dovresti segui questi link. Questo può scoraggiare gli spammer dal prendere di mira il tuo sito e aiuterà a impedire che il tuo sito passi involontariamente PageRank in pessime aree sul web. “

4.- Trova i link sponsorizzati seguiti sul tuo sito web

Hai mai accettato un post sponsorizzato sul tuo sito web? Ti sei assicurato di non aver seguito il link? Se non sei sicuro, vale la pena verificarlo. Per fare ciò, Google ha il sito: yourwebsite.com «post sponsorizzato«. Apri i risultati uno per uno e trova il link sponsorizzato.

5.- Cerca i collegamenti interni nofollow

Si presume che i collegamenti interni nofollow non debbano essere seguiti. È ovvio, no? Questo è vero a meno che non rimandino a pagine non importanti che si desidera escludere dai motori di ricerca indicizzati.

I link Nofollow svolgono un ruolo vitale quando si tratta di SEO. Come spiegato da Google, tutti questi attributi funzionano già come “indizi” per stabilire la tua posizione. Per quanto riguarda la scansione e l’indicizzazione, il nofollow ha iniziato a essere preso in considerazione dal 1 ° marzo 2020.

Detto questo, il tuo prossimo passo dovrebbe essere quello di verificare che i backlink che si collegano al tuo sito siano di qualità. In caso contrario, dovresti provare ad aggiungere il tag no follow a quei link. Questa è la struttura del tag HTML: <a href=Wwwwww.example.comWork rel=WinnofollowWord> Testo da collegare </a>

Nel caso in cui tutto ciò sia difficile per te, non hai tempo o devi vedere grandi risultati in un tempo ridotto, ricorda che abbiamo a tua disposizione strategie SEO vincenti per migliorare l’autorevolezza del tuo dominio. Coobis è una piattaforma di branded content, Influencer Marketing e SEO per raggiungere la massima visibilità.

I più popolari