I blog hanno i giorni contati?

Il futuro dei blog è un tema aperto da quando sono nati. Ovviamente, con l’avanzamento della tecnologia, le nuove tendenze, gli stili di vita e le diverse forme di consumare i contenuti online, le strategie di marketing classiche vengono messe in dubbio.

Quale sarà il futuro dei blog? Considerando che i contenuti visuali sono sempre più potenti, molti possono pensare che i contenuti testuali stiano diventando obsoleti. Ma se i testi smettono di funzionare, che senso ha aprire un blog?

Esistono molti tipi di contenuti diversi. Ovviamente i testi sono quelli che richiedono più attenzione da parte degli utenti. E considerando che il tempo è la risorsa che solitamente manca, molti preferiscono consumare contenuti in maniera più comoda. Come per esempio in formato video.

Il potenziale delle parole chiave

I blog hanno i giorni contati?Di fronte a questo panorama sorgono domande come le seguenti:

  • I blog funzioneranno ancora a breve termine?
  • La gente legge realmente i contenuti?
  • L’audience sarebbe più interessata al tuo blog se includessi altri formati?
  • Il futuro è aperto solo al mondo del video?
  • Vale la pena continuare a redigere articoli?

Non si può negare che la creazione di un blog è quasi un obbligo per qualsiasi attività che voglia avere una buona presenza su Internet. E nemmeno è possibile far finta di non percepire i suoi benefici. Ma la trasformazione è imminente.

Ciò nonostante, la scrittura è un tipo di contenuto che realmente ha ispirato e formato milioni di persone durante decadi. E se con il passare degli anni non ha smesso di funzionare non lo farà ora.

Come segnala David Ogilvy, “la pubblicità è un’attività fatta di parole“. La questione quindi è: fino a quando sarà così?

Il futuro dei blogs rispetto ai video

I blog hanno i giorni contati?Tutti i dati e le statistiche di marketing digitale coincidono riguardo a un aspetto: nel marketing digitale, il contenuto è il re. Ma il video è il formato essenziale per il contenuto. Almeno a partire dal 2017. Ci sono alcuni aspetti da considerare per capire il vero potenziale di questo canale:

Tutti questi dati fanno sperare in un ottimo futuro per il video. Ma qual è il futuro dei blog? Dove posizionare i contenuti scritti? Tutto deve essere visuale?

Esistono già articoli che parlano della preoccupazione di molti responsabili marketing riguardo alla diminuzione del consumo dei contenuti scritti rispetto al video. È sufficiente verificare il potere dei social e dei nuovi formati. Tra di essi il video in diretta e le stories.

La lunghezza dei testi ha un grande valore

I blog hanno i giorni contati?Ma se la scrittura è stata essenziale per diverse decadi, perché dovrebbe scomparire proprio ora? Le tendenze biologiche non si modificano semplicemente perché oggi ci sono i formati digitali che permettono di unire suoni e immagini.

E se anche fosse, bisognerebbe scrivere per il video, che si basa su uno storyboard.

Inoltre, considerando che non tutti sanno farlo, la fretta di evolvere potrebbe funzionare per gli esperti. Soprattutto per l’evoluzione di questo canale. Il futuro dei blog è ancora incerto. Ma non solo per quanto riguarda gli aspetti negativi. Uno degli aspetti da considerare è il potere dei blog nella condivisione della conoscenza.

Inoltre, l’azione di leggere non scomparirà. Ci sono studi che confermano che gli utenti sono doppiamente propensi a condividere articoli lunghi rispetto ad altri contenuti digitali. E, se fosse poco, Google dà grande valore ai contenuti ricchi di testo.

È uno degli aspetti che bisogna considerare per il posizionamento organico di un brand. Più lunghi sono i testi meglio si posizioneranno nelle pagine dei risultati organici dei motori di ricerca.

Altri formati dei contenuti

I blog hanno i giorni contati?Quindi da cosa nasce la preoccupazione per il futuro dei blogs? Anche se non te ne accorgi, quando leggi qualcosa è perché realmente attira la tua attenzione.

Suscitare interesse negli utenti attraverso i testi è una delle tecniche di engagement più difficile da mettere in pratica. Soprattutto perché richiede un’attività da parte dell’utente. O un interesse reale.

Quindi, puoi stare certo che se hai un blog e ti fornisce buoni risultati, la community che hai creato è di qualità. Ossia, è parte del tuo pubblico potenziale. Quindi si tratta di un aspetto positivo per la tua attività.

E puoi anche utilizzare diversi formati per i contenuti testuali. Tra di essi:

  • Post sui blog. Il futuro dei blog è positivo quando il formato permette agli utenti e al brand di creare vincoli forti. Soprattutto perché si lascia da parte l’attitudine commerciale e si sceglie di educare e intrattenere il lettore.
  • E-books: spesso inglobano informazione legata ai blogs. Si utilizzano come alternativa per proporre il medesimo contenuto.
  • Case studies: può essere un modo intelligente per interessare persone che non fanno parte del tuo target.
  • Il contenuto del tuo sito.

In definitiva: testo rilevante per l’utente, che risolve i dubbi. Un elemento che avrà sempre la sua nicchia nel mondo digitale.

Quando utilizzare contenuti testuali

L’ideale è decidere di utilizzare contenuto in formato testo per raggiungere alcuni di questi obiettivi:

  • Quando vuoi stabilire relazioni tra brand e consumatore.
  • Per sottolineare conoscenze e esperienze.
  • Quando lavori sul processo di fiducia dell’utente.
  • Per misurare e condividere i tuoi servizi o prodotti.
  • Con l’intenzione di condividere opinioni e commenti aumentando la fiducia dell’utente.

3 modi per generare un contenuto perfetto

In definitiva, il futuro dei blogs dipende dal loro adattamento alle nuove necessità. E ciò non compete solo ai blog ma ai bloggers, che devono aggiornare il contenuto e il modo di vedere le cose per generare contenuto perfetto che garantisca il futuro dei blogs. Come? 

1.- Aggiornati con le nuove abilità di scrittura

Non tutti hanno la capacità di adattamento che desiderano. Ma se la tua attività funziona nel mondo digitale, significa che ti sei aggiornato.

Se ricordi, quando Twitter è comparso a molti sembrava impossibile dire qualcosa che avesse senso in 140 caratteri. Ovviamente questa limitazione ha insegnato a molti a estrarre idee importanti.

I creatori di contenuto più lungo hanno imparato a riassumere idee che, ovviamente, avrebbero avuto poca vita sui loro blogs. Ciò accade con i titoli di qualsiasi post. I titoli lunghi non funzionano più e quelli corti e emozionanti sono più apprezzati.

Per non parlare dei social. Le descrizioni di Instagram e Facebook sono vitali per fare in modo che il contenuto venga consumato. E si tratta di testi.

Ti consigliamo di specializzarti in un tipo di contenuto e diversi formati. Come per esempio il microblogging di Instagram.

2.- Migliora le tue abilità esistenti

Al giorno d’oggi non ci sono barriere. Internet ti offre ogni tipo di risorse per imparare ad utilizzare strumenti e trasformarti in uno scrittore competente. Anche se è realmente difficile emergere.

Per questo bisogna puntare su strategie di content marketing che permettano di differenziarsi. Devi diventare uno dei migliori nel tuo campo.

3.- Utilizza lo storytelling per emergere

Lo storytelling è fondamentale per il tuo blog. Le emozioni hanno sempre giocato un ruolo importante nelle decisioni da prendere. E quindi provocare determinati sentimenti è una delle pratiche di successo delle strategie di marekting.

In questo senso, lo storytelling è molto potente dato che permette di far nascere emozioni e interessare l’utente. Approfittare di queste risorse significa umanizzare il brand e stringere legami con gli utenti.

Stai pensando di creare una storia originale? Il futuro dei blog dipende da te. Ma anche dalle piattaforme professionali in grado di guidarti riguardo alle tendenze e ai trucchi da mettere in pratica.

Coobis è una piattaforma di content marketing con anni di esperienza che, mediante l’unione tra editori e inserzionisti, permette di raggiungere gli obiettivi di entrambi. Vuoi creare storie che ti differenzino dalla concorrenza?