Crea il tuo filtro personalizzato per Instagram: guida passo passo

Content Marketing

Da quando esistono, i filtri personalizzati per Instagram sono stati uno dei punti chiave di questo social network. Attualmente, è possibile che ogni persona che appartiene a questo canale possa creare il proprio filtro per dare al proprio profilo la propria personalità. Questa è un’opzione che ogni giorno guadagna più follower sulla rete.

Alla fine del 2010, quando le persone hanno iniziato a caricare foto su questa app, una delle caratteristiche che la faceva risaltare di più erano i filtri. Permettono di alterare la luminosità, il colore o il contrasto dell’immagine. In questo modo, le tue foto possono, ad esempio, avere un aspetto antico grazie al tocco di un pulsante.

Tuttavia, con il passare del tempo, il social network ha saputo evolversi. Sono state aggiunte nuove funzionalità come storie, video e chat. Nonostante questo, i filtri restano comunque l’identità che Instagram ha e che altri social hanno voluto imitare.

Esistono molte applicazioni in cui è possibile trovare un gran numero di strumenti con effetti e filtri, con tutto il necessario per trasformare le tue foto prima di caricarle su Instagram per dare loro un tocco di creatività e renderle più interessanti.

Qual è la funzione dei filtri personalizzati per Instagram?

filtri personalizzati per Instagram
Anche la persona più seria ha utilizzato filtri personalizzati per Instagram. E non si può negare, sono davvero divertenti. Quando questa funzione è venuta alla luce, è stato possibile integrarle solo dall’applicazione. Qualche tempo dopo però hanno rilasciato Spark AR, che era disponibile solo per i creators.

La buona notizia è che ora tutti gli utenti possono avere i propri filtri personalizzati, grazie a questo miglioramento di Facebook. Spark AR non è più una piattaforma di realtà aumentata in versione beta chiusa ma è ora uno spazio aperto al pubblico.

Gli utenti registrati nell’applicazione potranno creare i propri filtri personalizzati per Instagram condividendoli con altre persone tramite l’opzione “Galleria effetti“. Ma per fare ciò, i tuoi account devono essere collegati a una pagina Facebook o a un profilo.

Se sei un amante di questo social network e vuoi che altre persone possano utilizzare i filtri che hai creato, scopri in questo post passo dopo passo cosa dovresti fare per creare i tuoi filtri Instagram personalizzati.

Filtri personalizzati per Instagram: un’opzione fenomenale

Filtri personalizzati per Instagram
Per creare i tuoi filtri, devi utilizzare lo strumento Spark AR Studio. Puoi scaricarlo gratuitamente sul tuo computer e installarlo sia su Mac che su Windows.

Come complemento, c’è un’app per iPhone e Android chiamata Spark AR Player. Con essA puoi vedere come appaiono i tuoi filtri prima di aggiungerli a Instagram.

Spark AR Studio può sembrare uno strumento difficile da usare. In parte è vero, poiché puoi creare filtri infiniti. Ma per semplificarti le cose, dovresti sapere che è uno strumento utile e intuitivo per creare filtri senza complicarti troppo la vita.

L’unico requisito di cui hai bisogno per usarlo è che tu abbia un account Facebook. Lì avrai i tuoi effetti archiviati online in modo da poterli successivamente aggiungere a Instagram. Questi effetti vengono creati come progetto. Quando apri l’applicazione vedrai la finestra “Crea nuovo” con tutti i suggerimenti.

La maggior parte dei filtri che questo strumento ti consente di creare hanno una parte di realtà aumentata, come trucco, occhiali virtuali, maschere decorative, sfondi personalizzati, tra il resto. Inoltre, vedrai i filtri colore in modo da ottenere uno stile Instagram più classico.

Qual è la cosa migliore di Spark AR Studio?

La cosa buona di Spark AR Studio è che ti guiderà passo dopo passo. Un altro punto importante è che, durante il processo di creazione, sarai in grado di vedere come sarà l’effetto con un modello adattato al tuo dispositivo. Se lo desideri, puoi cambiare dispositivo e vedere come funzionano i tuoi filtri su iPhone, Samsung, LG, Nexux, ecc.

È normale che quando avvii il processo questa interfaccia sembri un po’ complicata, ma tutto ha una soluzione. Fortunatamente per te, Facebook ti offre un elenco di tutorial e guide in modo che tu possa imparare come utilizzare ogni elemento e tipo di effetto che propone questa risorsa.

Quando hai finito di creare filtri personalizzati per Instagram, puoi salvarli sul tuo computer. Inoltre, puoi esportarli o caricarli direttamente sul tuo Spark AR Hub. Lì puoi gestire tutti i tuoi effetti in modo da poterli utilizzare su Instagram e Facebook.

Tra le altre opzioni, puoi dare all’effetto un nome e un’icona per differenziarlo dal resto dei filtri che hai creato.

Cosa dovresti sapere prima di utilizzare Spark AR per creare i tuoi filtri personalizzati per Instagram?

Cosa dovresti sapere prima di utilizzare Spark AR
Visto che l’opzione dei filtri è migliorata molto includendo la realtà aumentata, lasciando Snapchat ormai un ricordo con le sue famose orecchie virtuali, Facebook ha voluto creare un proprio strumento.

Ecco perché è nato Spark AR. Tutti gli utenti di Instagram possono creare i propri filtri con la realtà aumentata.

Ma Facebook fa sempre in modo che gli utenti non lascino la piattaforma madre per Instagram e, quindi, uno dei requisiti è avere un account sul social network blu e collegarlo a Instagram. Altre informazioni importanti sono:

  • A seconda del sistema operativo del tuo cellulare, dei tuoi problemi di rete o della versione di Instagram che utilizzi, puoi utilizzare i filtri che hai creato e anche altri utenti possono utilizzarli.
  • Non importa che tipo di profilo utilizzi, se si tratta di un profilo comune, commerciale o del creator. Per poter progettare il tuo filtro utilizzando questo strumento, dovrai collegare i tuoi account Facebook e Instagram.
  • Questi filtri appariranno alle persone che ti seguono sul social network. Se qualcun altro vuole provarli, basta premere il pulsante “prova” sulla storia per sfruttarlo.
  • Spark AR ha 44 video tutorial. In questo modo, puoi ottenere il meglio dalla risorsa quando crei i tuoi filtri.

Ma come dovrebbero essere creati i filtri?

Affinché tu possa capire come devono essere creati i filtri, ecco un piccolo elenco con i passaggi da seguire:

  1. Devi accedere a Spark tramite Facebook.
  2. Si entra con il proprio utente o pagina Facebook.
  3. Lì troverai un tutorial dettagliato che ti spiega come utilizzare la piattaforma. Tutto quello che devi fare è cliccare sulla scheda “Learn”.
  4. Una volta creato il filtro, devi testarlo selezionando l’opzione “Mirror” nel toolkit.
  5. Dopo aver corretto gli errori che potrebbero essersi verificati, è necessario salvare il filtro affinché venga valutato. Se approvato, sarà già visibile sulla piattaforma con tutti i filtri che hai creato.

Passo dopo passo per creare i tuoi filtri personalizzati per Instagram

Prima di poter mettere in pratica tutti gli esempi che ti offre la piattaforma Spark AR, devi andare nella pagina principale e scaricarlo sul tuo computer. Dopo questo sei pronto per guardare i tutorial e iniziare a creare. Ma per darti un’idea più chiara di cosa fare, segui questa guida passo passo:

1.- Scarica il contenuto di esempio sul tuo computer

Questo è uno dei modi più semplici per iniziare a esercitarsi a creare i filtri. Spark AR ti mostrerà un video molto semplice per presentarti lo strumento. Ti permette anche di scaricare un file con una texture precedentemente creata. In questo modo, puoi esercitarti prima di aggiungere i tuoi oggetti.

Una volta entrati nell’applicazione, devi selezionare il filtro con il quale vuoi iniziare a lavorare.

2.- Configurare il face tracker

Spark AR: configurare il face tracker
Prima di iniziare la configurazione, devi importare l’effetto campione che intendi utilizzare e che lo strumento stesso supporta.

Per rendere la configurazione un po’ più semplice, troverai una texture chiamata “Moustache” nel pannello a sinistra. Devi aprire l’effetto e, con l’aiuto di un simulatore, puoi vedere come apparirebbe.

Dopodiché, per aggiungere il face tracker, che è quello che ti aiuterà a rilevare l’orientamento e la posizione del viso, nel pannello di sinistra troverai l’opzione “Aggiungi oggetto” per inserirlo.

3.- Incorpora una griglia facciale

La prossima cosa che devi fare è aggiungere una griglia facciale. Devi solo cliccare su “Face tracker” e individuare la mesh, in modo che il modello 3D possa rispondere alle espressioni facciali che erano già state salvate durante il primo tracking.

Inoltre, puoi provare il simulatore. In questo modo potrai vedere la mesh nella finestra grafica, mentre ti eserciti con i filtri che hai personalizzato.

4.- Crea gli elementi

Affinché la mesh diventi un filtro, ha bisogno di una trama. Sul lato destro, troverai una finestra in cui devi selezionare l’opzione “Materiale“. All’interno di questa funzione puoi scegliere l’ombreggiatura che desideri che abbia il tuo filtro personalizzato.

Ora sai come creare i tuoi filtri personalizzati per Instagram. Non ti resta che iniziare a mettere in mostra tutta la tua creatività e testarne tutta l’efficacia.

Se vuoi creare contenuti spettacolari con i filtri, puoi iniziare a lavorare con la piattaforma di Content Marketing & Influencers Coobis. Puoi aumentare le tue entrate pubblicando contenuti di qualità sui tuoi social network. Non aspettare oltre e provala ora!

I più popolari