Devo includere i chatbot nella mia strategia dei contenuti?

Includere i chatbot nella tua strategia di contenuti significa semplicemente implementare un software che automatizza il compito di parlare con le persone, specialmente su Internet.

I bot si adattano alla più ampia categoria di interfacce di conversazione basate sulla lingua o interfacce utente e possono essere testuali, vocali o una combinazione di entrambe:

  • Se fai domande tramite Siri, Cortana, Alexa o un’altra opzione vocale, la risposta sarà verbale.
  • Se l’interazione avviene in una finestra di chat basata sul testo, il bot restituisce una risposta testuale, che può includere elementi grafici e altri elementi visivi.
  • In una versione mista, il bot utilizza le due opzioni di cui sopra combinate in modo che l’utente possa ottenere molte più informazioni.

Questa interazione corrisponde a una domanda e una risposta. Richiede che il robot capisca l’intento di ricerca dell’utente e restituisca la risposta nel contesto specifico.

Ma perché questi strumenti sono così popolari al giorno d’oggi? Perché il mondo dell’e-commerce dipende così tanto da questi strumenti? Sarebbero davvero utili nel tuo caso?

Vantaggi dei chatbot

L’eliminazione di un’interfaccia ricca di pulsanti e menu comporta:

  • Immediatezza.
  • Ubiquity. Perché con una semplice applicazione di messaggistica che include la possibilità di includere i bot, è possibile aprire tutte le conversazioni desiderate con negozi e servizi.
  • Autenticità. Si tratta di uno strumento naturale per interagire nella vita reale, attraverso il linguaggio.
  • Accessibilità. Con un’interfaccia molto più comoda e intuitiva.
  • Efficienza. L’utente ottiene di più con meno.

Perché sono così popolari?

  • L’uso delle applicazioni di messaggistica sta già superando quello dei social network. E mostra come le persone preferiscono che la conversazione sia bidirezionale.
  • Circa il 20% delle ricerche su Internet sono già effettuate vocalmente. Vengono utilizzati strumenti come Siri, senza bisogno di digitare nell’interfaccia del motore di ricerca.
  • Le interfacce in linguaggio naturale, come i chatbot, si evolvono rapidamente in relazione ed in accordo con la tecnologia.
  • Infatti, in Cina, WeChat ha avuto un grande successo, permettendo a milioni di persone di interagire con il suo software attraverso la voce.

Questi dati possono essere inquadrati in un’evoluzione delle interfacce utente verso un’interazione con il software senza schermi o menu, basata sul riconoscimento del linguaggio naturale e dell’intelligenza artificiale.

In questo modo si elimina completamente anche la distanza tra l’utente e il software. Si tratta di una piccola rivoluzione nell’uso della tecnologia.

Contenuti e marketing in un chatbot

La prima cosa che devi sapere per progettare un chatbot è quale servizio stai per offrire e come potrà diventare una conversazione.

Con questo aspetto in mente, è necessario progettare un’esperienza di chat ottimale per l’utente, e anche “progettare” la personalizzazione del bot.

Questa opzione dovrebbe cercare di attrarre l’utente verso conversazione che il bot conosce per offrire contenuti di valore. Ad esempio, le domande dovrebbero fornire opzioni predefinite, in modo che l’utente non ottenga informazioni fuorvianti.

Il design degli Chatbot non è tutto

Il design deve essere accompagnato da una strategia di contenuto per le chat AI. Perché il contenuto è ciò che il bot offrirà all’interno della conversazione che hai progettato. Ecco perché è importante gestirlo bene per ottenere una preziosa interazione con l’utente.

Per raggiungere questo obiettivo, è necessario sviluppare un nuovo paradigma di classificazione dei contenuti, con potenti relazioni semantiche, una buona architettura e una tassonomia adeguata. Inoltre, un vocabolario controllato che si adatta alla conversazione che si desidera effettuare.

Tutto questo dovrebbe essere sviluppato attraverso test che permettano all’intelligenza artificiale del chatbot di imparare. Raggiungere un’interazione sempre più contestuale e fluida. Questo è il lavoro dei content strategists, che aiuteranno il chatbot ad offrire i migliori contenuti. Questo è ciò che dicono le statistiche sul content marketing.

L’impatto dei chatbot sull’e-commerce. Come influisce sul marketing?

I chatbots aprono nuove possibilità di interazione con i clienti e fanno parte dell’automazione del marketing. In Messenger, per esempio, un chatbot può:

  • Inviare messaggi senza quasi nessuna limitazione dopo la prima interazione.
  • L’input dell’utente consente la segmentazione dinamica delle conversazioni.
  • È possibile inviare messaggi da flussi di lavoro automatizzati.
  • È possibile inviare pubblicità, inviti e buoni sconto. Molto segmentati in base al comportamento di ogni utente, attraverso Facebook Messenger.

Le esperienze pionieristiche in questo caso dimostrano che si può ottenere un CTR molto elevato. In parte anche grazie alla comunicazione individuale.

Anche se, come sempre, non bisogna dimenticare che tutti odiano lo spam. Specialmente se si tratta di uno spambot. Per questo motivo, l’IA ed i chatbot dovrebbero essere sempre utilizzati per fornire contenuti preziosi agli utenti.

I chatbot si adattano alla content strategy?

Le aziende sono da tempo alla ricerca di strumenti in grado di fornire contenuti sempre più personalizzati per i propri utenti.

Oggi, i chatbot nella content strategy hanno dimostrato che possono essere un modo per fornire il contenuto giusto ai lettori esattamente nel momento in cui lo richiedono.

Ecco perché molte aziende hanno scelto di includerli. Ma per comprendere il potenziale dei chatbot nella content strategy, è necessario dare un’occhiata più da vicino a come possono essere utilizzati come piattaforma di distribuzione di contenuti e come sfruttare al meglio ciò che possono offrire.

Come lavorano sulla strategia dei contenuti

I chatbot sono programmi per computer presenti in applicazioni di messaggistica come Kik e Facebook Messenger. Questi bot possono essere programmati per lavorare in diversi modi:

  • I più semplici si basano su regole. Quando un utente inserisce un certo messaggio, riceve in cambio una risposta predefinita.
  • I bot più sofisticati utilizzano l’elaborazione del linguaggio naturale (PNL). Per analizzare i messaggi degli utenti e sapere cosa stanno cercando.
  • In primo piano ci sono i robot che utilizzano l’intelligenza artificiale (AI) e possono generare risposte univoche basate sul contesto.

Esempi di chatbot nella content strategy

Mentre molte aziende hanno adottato i chatbot per le attività di assistenza clienti, un numero crescente di aziende li sta installando per fornire contenuti relativi agli ordini online. Alcuni esempi sono:

  • Sephora: il brand ha un chatbot Kik che offre un questionario a qualsiasi utente. Il bot utilizza i risultati dei test per fornire consigli personalizzati sui prodotti e consigli di bellezza.
  • Tommy Hilfiger: il marchio di moda ha lanciato un Facebook Messenger bot durante l’autunno della settimana della moda a New York. Il bot può guidare gli utenti attraverso la collezione Gigi di Tommy Hilfiger. E mostrare i prodotti rispondendo alle domande con più di 7.000 opzioni.
  • Whole Foods: Sicuramente non avete mai verificato la grande quantità di cibo emojis disponibile sul vostro telefono. Pensavate che fossero inutili ma ripensateci. Whole Foods ha creato un innovativo chatbot di Facebook Messenger che permette agli utenti di cercare ricette utilizzando gli emojis. Dal momento che attualmente non ci sono emoji per “senza glutine”, gli utenti possono anche aggiungere del testo ai loro messaggi. Per esempio per includere restrizioni dietetiche nelle loro ricerche.

I bot sono i sostituti delle applicazioni?

Alcuni sviluppatori di software ritengono che il futuro risieda nei “bot” e non nelle applicazioni. Pensano che aiuteranno gli utenti in diversi compiti senza dover aprire un’applicazione per ogni azione necessaria.

L’implementazione dei chatbot nella content strategy sarà in grado di conoscere le previsioni meteo, ordinare una pizza ed un taxi senza aprire mille applicazioni. Perché aprire l’applicazione Uber quando è possibile riservare una delle loro auto a voce? Questo, per i responsabili dei servizi di messaggistica, può essere un grande passo avanti, ad esempio.

Comprendere i limiti

Affinché i chatbot nella content strategy siano uno strumento di marketing efficace, è importante capire cosa possono e cosa non possono fare.

Mentre i bot sono stati creati per essere uno strumento indispensabile in futuro, oggi sono ancora agli inizi ed hanno i loro limiti.

Un chatbot non può risolvere problemi complessi come le persone. Può fornire alcune informazioni e linee guida. Ma questo può causare frustrazione se un utente sta consultando il bot per ottenere una risposta diretta e concreta.

Alcuni critici sostengono che la maggior parte dei chatbot sono troppo semplici e “non abbastanza umani“. Ma anche i bot più intelligenti, come quelli che utilizzano l’apprendimento automatico e l’elaborazione del linguaggio naturale, hanno i loro rischi.

Microsoft ha imparato questa lezione in un modo particolarmente imbarazzante quando hanno debuttato con il suo Twitter bot, Tay.

Ci sono volute svariate ore per allenare la mente del bot Tay ed insegnargli a dire alcune frasi inappropriate. Ad un certo punto Microsoft ha dovuto disconnettere Tay a 24 ore dalla presentazione del bot.

Con questo in mente, è necessario progettare un’esperienza di conversazione per gli utenti in modo tale che i chatbot possano offrire direttamente le risposte che gli utenti stessi stanno cercando. Se vuoi che il vostro brand offra contenuti di qualità sul tuo sito web e social network, troverai la soluzione sulla nostra piattaforma di content marketing. Contatta Coobis per sapere come fare.