Content Curation sui social media: cos’è e come può aiutare il tuo brand

Content Marketing
Ti è piaciuto il nostro articolo?

I professionisti del marketing digitale lavorano duramente per creare una fan base su piattaforme di social media come Facebook, Twitter e Instagram. Ma una volta catturati, non è facile mantenerli legati al brand e i suoi contenuti. È qui che entra in gioco la Content Curation dei social media.

Parlare di prodotti e servizi tutto il giorno è essenziale per molte aziende, ma non è affatto una buona idea. Lo svantaggio è che tutte le aziende fanno la stessa cosa. Cioè, si identificano come i migliori e coloro che offrono i migliori vantaggi. Ciò genera molto rumore, ma a sua volta provoca la disconnessione dei potenziali clienti.

Per ottenere una fan base impegnata e attiva, gli specialisti devono andare oltre gli espedienti promozionali e la pubblicità ripetuta dei loro prodotti. L’unico modo per mantenere i tuoi fan agganciati a lungo termine è fornire contenuti di qualità. Deve essere qualcosa che il pubblico voglia davvero leggere, con il potenziale di essere condiviso.

Cosa offre la Content Curation sui social media?

Curate Content Social Media
Questa tecnica può offrire grandi vantaggi a brand o aziende che realizzano strategie digitali ottimali. I 5 campi di interesse sono i seguenti:

  • Aumento del traffico organico. Se fai un lavoro ottimale, puoi essere scoperto dai tuoi clienti senza dover investire. Per ottenere ciò, è necessario sviluppare un piano completo di content marketing con parole chiave pertinenti. Usalo come ispirazione per alimentare gli argomenti e contattare gli opinion leader di per ottenere la loro opinione e pubblicarla sui tuoi canali.
  • Il riconoscimento del brand. Pubblicando contenuti e facendo eco ad argomenti preziosi per il tuo pubblico, puoi diventare facilmente riconoscibile. Puoi persino eclissare la concorrenza. La selezione dei contenuti espande il numero di pezzi che puoi distribuire sui tuoi canali, poiché le risorse interne possono arrivare fino a un certo punto. Sii il primo nella mente dei tuoi clienti condividendo nuove idee e materiali sulle loro piattaforme più popolari.
  • Influencer marketing. La Content Curation apre la possibilità di stabilire contatti con persone influenti. È un’opportunità per raggiungere un nuovo pubblico ed espandere ancora di più il tuo messaggio.
  • Materiali per campagne di marketing. La Content Curation ti fornisce infiniti materiali per le tue azioni di comunicazione. Hai contenuti che puoi riutilizzare in altri canali e puoi persino coinvolgere i tuoi team di vendita.
  • Creazione della community. Se lavori sul contenuto giusto, costruirai una comunità fedele in pochissimo tempo. Tuttavia, è importante notare che la creazione di una comunità va oltre la Content Curation. Rispondere ai tuoi follower in modo tempestivo e partecipare alle discussioni di gruppo sono modi per costruire un seguito fedele.

Content curation e creazione di contenuti: in cosa differiscono?

Nonostante il fatto che entrambi i concetti sembrino sinonimi, va notato che ci sono differenze tra i due:

  • Creazione di contenuti. Genera i propri contenuti da zero per condividerli nei canali di comunicazione del brand.
  • Content Curation. Utilizza materiali di terze parti su un argomento specifico da altre fonti o persone pertinenti da condividere sui propri canali.

Perché il tuo brand dovrebbe lavorare sulla Content Curation dei social media?

Perché il tuo brand dovrebbe lavorare sulla Content Curation dei social media?

Molti brand stanno già sfruttando il potenziale di questa tecnica per i loro siti web. È anche comune vedere tracce di questo lavoro sui loro profili social. Il giornalismo attuale e di qualità renderà il tuo brand rilevante per i tuoi follower.

Ad esempio, i brand B2B cercano di diventare leader di pensiero riconosciuto su canali come LinkedIn. La pubblicazione di contenuti straordinari sulle ultime tendenze farà sì che l’azienda venga considerata un punto di riferimento nella sua nicchia di mercato. Essere aggiornati, oltre a mostrare informazioni veritiere e verificate, sono due pilastri fondamentali.

I brand B2C possono utilizzare contenuti per mostrare la loro identità su Tumblr o Pinterest. Possono attirare nuovi follower con post con potenziale virale. Possono condividere link che inviano traffico di qualità a siti di interesse, invece di inviare utenti altrove.

Indipendentemente dai tuoi obiettivi di marketing, hai bisogno di contenuti coinvolgenti per creare interesse nel tuo pubblico di target. Costruendoti la reputazione di miglior content curator, puoi iniziare a ospitare conversazioni critiche del tuo settore, proprio come farebbe un editore.

Come gestire una corretta Content Curation

Come gestire una corretta Content Curation
Fare una corretta gestione dei contenuti sui social media non è complicato. Ma richiede varie azioni per dare frutti. E, soprattutto, devono essere estese nel tempo. Controlla di seguito quelle che devi sempre tenere a mente:

  • Conoscere il tuo pubblico. Ciò che ti interessa non deve generare lo stesso sentiment in altre persone. Perché riguarda loro, non te. Preoccupati di come questo post aiuterà i lettori.
  • Condividi ciò che conta davvero. I messaggi devono essere pertinenti, attuali, interessanti e utili. Altrimenti, escludi la condivisione sui tuoi profili social.
  • Prendila come una missione personale. La reputazione e l’espansione del tuo brand sono nelle tue mani. Pertanto, cerca di ottenere il massimo da ogni strategia di marketing, come la
  • Content Curation dei social media. Ad esempio, ogni inizio settimana si prefigge l’obiettivo di trovare le notizie pertinenti che vorresti condividere con i tuoi follower.
  • Non dimenticare di promuovere l’azienda. Ma senza strafare. Esagerare con l’hype porta spesso a una massiccia perdita di follower. La condivisione di contenuti curati è un’opportunità per mostrare un po’ di apertura. L’equilibrio è importante. L’ideale è pubblicare i propri contenuti ogni dieci pubblicazioni sui social network.

Altri fattori da considerare

Oltre ai punti chiave, ce ne sono altri che hanno un’influenza sulla Content Curation dei social media:

  • Apri la tua gamma di argomenti. Se la tua azienda si dedica al graphic design, parlare sempre della stessa cosa può finire per essere noioso. Un’apertura ad argomenti correlati può arricchire la tua proposta.
  • Dai credito agli autori originali. Nella Content Curation dei social media devi essere nobile e legale. Non approfittare mai dei contenuti di altre persone e prenderti il ​​merito della sua creatività. Aggiungi una menzione @ in un tweet o tagga il content creator in un post di Facebook per qualsiasi contenuto che stai condividendo.
  • Organizza le pubblicazioni dei tuoi profili social. In questo modo, le tue pubblicazioni vengono viste durante un periodo equilibrato. Puoi utilizzare uno qualsiasi dei programmi attualmente sul mercato per programmare le tue pubblicazioni. Ma non programmare troppo in anticipo. È consigliabile che le tue pubblicazioni siano tempestive.

Strumenti per lanciare la tua strategia di Content Curation sui social media

Dai un’occhiata a questi strumenti che possono aiutarti a diventare un content curator.

1.- Google Alert

Google alert
Seleziona gli argomenti rilevanti per la tua strategia di content marketing e ricevi le notizie direttamente nella tua casella di posta. E senza dover muovere un dito. È un modo semplice per capire cosa sta succedendo nel tuo settore mentre segui le tendenze che sono di moda.

2.- Scoop.It

Scoop.It
Questo strumento di gestione dei contenuti consente a privati ​​e aziende di monitorare le fonti a livello globale. Scopri contenuti di terze parti in pochi click e condividili con la tua community su tutti i tuoi canali.

3.- Google Trends

Google Trends
Scopri cosa sta cercando il mondo con questo strumento di Google. Controlla cosa è popolare in questo momento o cerca le parole chiave più importanti per la tua attività.

4.- Buzzsumo

Busszumo
Uno strumento molto interessante per sapere cosa pubblicano gli influencer. E anche quando. Questa pagina ti aiuta a trovare i contenuti più condivisi sul web.

La ricerca può essere effettuata per argomenti specifici, pubblicazioni recenti o quelle realizzate negli ultimi mesi. Puoi anche vedere i 10 migliori influencer su un argomento specifico e cosa stanno condividendo.

Gruppi su piattaforme di social media

Anche i social media possono essere un ottimo posto per raccogliere informazioni. E i gruppi che si formano in essi su argomenti specifici possono essere un’interessante fonte di informazioni.

Devi mettere gli occhi oltre che sulle classiche opzioni come Facebook o Linkedin, anche su Quora, Reddit, Blurtit…. La Rete è piena di siti web che meritano di essere monitorati. Inoltre, essere attivi, partecipare alle conversazioni, può giovare al tuo brand. Una presenza costante può renderti una voce autorevole nel settore agli occhi degli utenti.

Ora che sai in dettaglio cos’è la Content Curation dei social media, è ora di mettersi al lavoro. E per raggiungere il successo, niente di meglio che avere la migliore soluzione professionale a portata di mano. Coobis mette a tua disposizione i media e gli influencer più in linea con gli obiettivi del tuo brand. Contattaci subito e inizia ad avere maggiore visibilità in Rete e sui Social Network.

I più popolari