10 consigli per creare un processo di generazione di contenuti efficace

Se la tua attività appartiene al 77% delle aziende B2C o all’86% delle aziende B2B che si basano sui propri contenuti per crescere, la cosa più probabile è che tu stia cercando di capire come creare un processo di generazione di contenuti di qualità. In questo modo non solo premierai la tua audience con contenuti utili ma guadagnerai anche interazioni, traffico e engagement.

Di fatto, se non lo sapevi, le aziende B2B che condividono contenuti in un blog più di 11 volte al mese ottengono il triplo di traffico rispetto a quelle che lo fanno una sola volta. Quindi, in questo momento non solo devi preoccuparti di definire cosa creare ma come creare un processo di generazione di contenuti in maniera efficace. Un metodo che assicuri un impatto e faccia risparmiare lavoro.

Continui a pensare che creare una strategia di contenuti non sia importante? I dati di SocialMediaToday assicurano che le aziende che hanno un blog ottengono un 55% in più di traffico. Ma, oltre a ciò, è dimostrato che le strategie che stanno facendo la differenza, hanno a che fare con l’uso più creativo dei contenuti, in maniera rilevante, personalizzata e attraente.

I vincitori non sono quelli che producono di più ma coloro che generano le migliori storie. Quindi, è consigliabile che, nel momento in ci si generano contenuti, tu tenga in considerazione i seguenti consigli che possono aiutarti.

Come creare un processo di generazione di contenuti?

1.- Cerca di capire la tua audience

Per chi scrivi i contenuti? Quali sono le inquietudini del tuo pubblico target? E i suoi problemi? Quali soluzioni si aspetta la tua audience dal tuo brand? Determinare qual è la tua audience richiede un’analisi esaustiva.

Ed è assolutamente necessario determinare qual è la tua audience per poter creare un buon contenuto. Il pubblico target che ipotizzi non è realmente quello che visita poi il tuo blog o il tuo sito. Se ciò accade è perché non stai creando il contenuto adeguato per attrarre il tuo target ideale.

Per questo, per cominciare un processo di content marketing efficace e rilevare la tua audience devi focalizzarti. Ossia, di tutto il mercato disponibile, devi decidere a quale parte di popolazione vuoi dirigerti. Che sia perché:

  1. Il tuo prodotto o servizio è idoneo per questo specifico segmento.
  2. Vuoi ampliare la tua strategia di contenuti verso un nuovo mercato.
  3. Hai un nuovo prodotto e devi decidere a quale mercato rivolgerti.

L’importanza di segmentare la tua audience

Una delle chiavi per definire in maniera semplice come creare un processo di generazione di contenuti è realizzare una segmentazione degli utenti. Per questo puoi utilizzare i seguenti criteri:

  1. Per dati geografici. Per città, regione o anche per clima. Magari ti interessa dirigerti verso un pubblico che vive in un clima temperato perché la tua azienda di impianti di aria condizionata non potrebbe avere successo nelle città fredde.
  2. Secondo la demografia. Età, sesso, potere d’acquisto, livello educativo, ecc. Tutto conta quando genera contenuti.
  3. Dati psicologici. Com’è lo stile di vita della tua audience? Quali sono i tratti comuni delle loro personalità?
  4. Comportamento. Riguardo a questo punto è interessante considerare i benefici che cerca la tua audience, il suo livello di engagement con il tuo brand, ecc.

Ti chiedi ancora perché è importante segmentare per determinare come creare un processo di generazione di contenuti? Come vedi, esistono molti motivi. Per esempio i fattori geografici determineranno in  buona parte il tono della tua comunicazione. I fattori psicologici come lo stile di vita influiranno nel cammino che devono seguire i tuoi contenuti e il loro focus. E infine, tutto questo determinerà il tipo di contenuti che devi creare. E il loro formato.

Consigli per segmentare la tua audience

Quando cominci a segmentare la tua audience, fai in modo che sia:

  1. Misurabile. Devi conoscere bene il segmento.
  2. Accessibile. È vitale che tu possa creare contenuti che il segmento possa vedere. Se la tua audience si trova su determinati social, devi essere capace di creare contenuti ottimizzati per i diversi canali.
  3. Sostanziale. Se il segmento è troppo piccolo, non ti interessa. Fai in modo che sia specifico ma che sia anche di una dimensione sufficiente per generare attività.
  4. Attivabile. Non ti serve a nulla generare del contenuto che non susciti interesse o che non sia utile per risolvere i problemi della tua audience.

Una volta definito il tuo pubblico target, la cosa più consigliabile da fare è raccogliere in un documento tutto ciò che hai scoperto. Così potrai stabilire un nucleo che si basi principalmente su due fattori:

  1. Ciò che fai e i temi che hanno più a che fare con la tua attività.
  2. I temi che stanno più a cuore della tua audience.

In questo modo, ogni volta che ti chiederai come creare un processo di generazione di contenuti, saprai da dove partire. Dopo di che ti risulterà più facile determinare i temi da trattare.

2.-Definisci a quale fase del processo di acquisto ti vuoi rivolgere

La prima cosa da chiarire è il processo di acquisto del tuo prodotto, il profilo del tuo target e gli attori che interferiscono durante il processo. Non dimenticarti che qualsiasi processo di acquisto è formato da un periodo di scoperta, uno di informazione e uno di acquisto. Per far fronte a questa situazione hai bisogno di generare contenuti per ogni fase:

  1. Per cominciare, devi generare contenuti per richiamare l’attenzione. Contenuti che attraggano la tua audience, che suscitino il suo interesse.
  2. Nel momento in cui coprirai la seconda fase, devi informare l’utente.
  3. E, infine, non c’è nulla di meglio che approfittare di trucchi come la sensazione di urgenza per incentivare l’acquisto.

3.- Scegli tra i diversi tipi di contenuti

Per questo devi pensare a quali sono i tuoi obiettivi. Vuoi vendere? Vuoi far conoscere il tuo prodotto o servizio? Vuoi che si utilizzi di più? L’utente deve interagire con i tuoi contenuti? In base a cosa scegli, poi potrai dare forma al tuo contenuto:

A.- Contenuti di supporto

Ci sono diversi tipi di contenuti che portano traffico. La maggior parte di essi solitamente aiutano l’utente riguardo ad un tema concreto.

I contenuti di supporto sono vitali. Non puoi definire come creare un processo di generazione di contenuti senza tenere in conto che hai bisogno di aiutare la tua audience. Devi risolvere i suoi problemi e dilemmi più comuni. Questo tipo di contenuto agevola il processo di acquisto, quindi è imprescindibile.

B.- Contenuti educativi

come creare un processo di generazione di contenuti

Un altro elemento basico quando definisci come creare un processo di generazione di contenuti è condividere conoscenze. E, a differenza dei contenuti di supporto, questi non devono per forza essere focalizzati sui tuoi prodotti o servizi. Puoi affrontare diverse tematiche legate al tuo settore.

In questo modo riuscirai a mantenere vivo l’interesse degli utenti, attrarre clienti potenziali e aumentare le visite sul tuo sito.

C.- Contenuti di prodotto

Come creare un processo di generazione di contenuti focalizzato sulle vendite? La risposta è nella creazione di questo tipo di contenuti. Puoi focalizzarti nello spiegare il funzionamento di un certo servizio e raccontare le sue caratteristiche o raccontare perché è meglio di quello della concorrenza.

L’ideale è intercalare contenuti educativi e di supporto per ridurre i dubbi.

D.- Contenuti focalizzati sulle vendite

Questi contenuti si adattano all’ultima fase del processo di vendita. Quindi dovrebbero essere focalizzati sulla vendita stessa. Devi parlare dei benefici di determinati prodotti o servizi. O includere offerte e call to action irresistibili. Ti consigliamo di condividerli attraverso la tua newsletter raccontandoli con una landing page che sia di appoggio e chiusura.

4.- Quale tipo di formato vuoi utilizzare?

Hai diverse opzioni. Ogni tipo di contenuto colpisce in maniera diversa gli utenti. Quindi, a seconda di cosa vuoi ottenere, devi concentrarti su un formato o un altro:

  1. Crea post per il tuo blog. La cosa migliore per generare più contenuto in maniera rapida e efficace.
  2. Crea video.
  3. Crea infografiche.
  4. Crea immagini e contenuti visuali per i social.
  5. Ottimizza la tua newsletter con contenuto di valore.

5.- Il formato che scegli deve dipendere dal tema e dalle keywords

Immagina che stai lavorando sulla tua piattaforma di email marketing. Considera che all’inizio dovrai focalizzarti sul processo di acquisto iniziale. Quindi, l’utente starà semplicemente cercando informazioni. Prima di ciò devi cominciare a creare contenuti educativi e dovrai scegliere i formati. Magari la newsletter o diversi post sul tuo corporate blog.

Quando decidi come focalizzare la tua strategia, potrai cominciare con le seguenti fasi.

6.- Analizza la situazione

L’analisi deve precedere la generazione del contenuto. Dovrai considerare fattori come il volume di utenti che vuoi raggiungere in un determinato periodo di tempo. Se vuoi fare retention dei clienti, se vuoi migliorare gli acquisti o il traffico.

Inoltre, entreranno in gioco il tuo posizionamento SEO, le tue strategie sui social o il numero di iscritti alla newsletter. Dovresti avere tutti questi dati prima di attivare la tua generazione di contenuti.

7.- Come creare un processo di generazione di contenuti senza un preventivo?

Come creare un processo di generazione di contenuti che presupponga costi ridotti? In realtà i miracoli non esistono. E non potrai investire una minima parte ed ottenere i migliori risultati. Tutto dipenderà dal tipo di campagna che vuoi creare, dalla durata e da cosa vuoi ottenere.

Per questo, disporre di un preventivo adeguato, anche se ridotto, è essenziale quando devi definire come creare un processo di generazione di contenuti.

8.- Crea un calendario editoriale

come creare un processo di generazione di contenuti calendario editorialeIl miglior consiglio che poi seguire per sviluppare un processo di content marketing efficace è pianificare ogni parte del contenuto in un calendario editoriale. Puoi utilizzare un foglio di calcolo o un’applicazione. Ma il tuo calendario dovrà sempre avere degli obiettivi:

  • Devi fornire al tuo team un’area per verificare il progresso di ogni progetto
  • Un luogo per tracciare gli avanzamenti

Il calendario è un mezzo per mantenere tutto organizzato e per non dimenticare nulla.

9.- Definisci le metriche che utilizzerai

come creare un processo di generazione di contenuti metricsDovresti chiederti perché stai creando un contenuto piuttosto che un altro. Tutte le metriche di content marketing che utilizzerai, dipenderanno unicamente dagli obiettivi che hai fissato. Cosa vuoi ottenere? Alcuni obiettivi abituali di content marketing includono:

  1. Aumento della brand perception
  2. Generazione di leads
  3. Retention dei clienti
  4. Upselling

Ma, indipendentemente da cosa cerchi, devi sempre partire da un obiettivo chiaro. Solo così sarà possibile stabilire i KPIs adeguati che ti aiuteranno a sapere se potrai ottenere ciò che cerchi.

10.- Affidati a una piattaforma di content marketing

come creare un processo di generazione di contenuti CoobisStai cercando di capire come creare un processo di generazione di contenuti ma non hai tempo da dedicare a questo tema? In questo caso, la cosa migliore da fare è appoggiarti a degli specialisti che ti aiutino ad organizzare l’attività.

Ti piacerebbe approfondire meglio il tema del content marketing? Coobis è una piattaforma di Content Marketing grazie alla quale i brand possono trovare aiuti per generare il contenuto necessario per la propria attività. O anche per far conoscere i propri prodotti approfittando dei social e degli influencers. Vuoi creare e diffondere i tuoi contenuti migliori?