Come creare il contenuto perfetto per la SEO

Uno dei propositi del content marketing per il 2018 si basa sul creare contenuto perfetto per la SEO. In questo modo si lascia da una parte l’assurda idea di voler creare migliaia di contenuti e si scommette sulla qualità degli stessi. Dando per assoldato che il blog sarà una delle armi più potenti di tutto questo processo.

Dovresti segnarti un dato importante: dimenticati dell’idea che i blogs sono alla fine dei loro giorni. Sono il canale che meglio ti aiuterà a creare e condividere contenuto perfetto per la SEO.

Ma ovviamente il content marketing è l’aspetto essenziale per la SEO moderna. Di fatto un contenuto senza strategia SEO che possa ottimizzarlo no potrà sopravvivere nel mercato digitale.

Il contenuto perfetto per la SEO è quello che emerge dalla massa dei blog e dalle diverse pagine. E Google ne ha parlato. Segnati che uno dei tre principali aspetti che determinano la classificazione organica nei motori di ricerca è proprio il contenuto.

Ma cosa significa? Esiste il contenuto perfetto per la SEO? C’è qualche aspetto in grado di far emergere il contenuto posizionandolo al meglio?

La risposta è no. Dipende da te. Per questo è importante che tu sappia interpretare i report di Analytics che sono quelli che ti danno le indicazioni relative a come creare il contenuto perfetto per la SEO.

Tips per creare il contenuto perfetto per la SEO

1.- Orienta la tua strategia di contenuto alla SEO

contenuto perfetto per la SEOUno dei principali errori dei responsabili marketing e dei creatori di contenuto è che aspettano fino alla fine. Ossia finché le strategie non sono pianificate del tutto, non si preoccupano di pensare alla seo. Ciò significa che c’è chi aspetta la fine per includere keywords e link.

Ovviamente una strategia efficace di content marketing deve cominciare con l’investigazione delle parole chiave per cui vuoi posizionarti. Non bisogna mai dimenticare le intenzioni e le necessità dell’utente.

Per questo quando sai quali ricerche fanno i tuoi utenti e che tipo di contenuto stanno cercando, potrai cominciare a disegnare una strategia di contenuto che risponda alle necessità specifiche. Solo cos’ potrai muovere i leads attraverso l’imbuto della conversione.

Il contenuto perfetto per la SEO è quello che:

  1. Si crea a partire dalla comprensione di un’audience le sue, delle sue intenzioni e delle ricerche di keywords di qualità. Inoltre bisogna utilizzare la lingua dell’audience e fornire informazioni utili.
  2. Aiuta il lettore a completare compiti specifici o a risolvere questioni determinate. Il contenuto lungo, con oltre 1000 tende a classificarsi meglio nei risultati organici. Ovviamente dovresti analizzare qual è la percentuale del contenuto che più conviene alla tua strategia SEO. Detto questo, non perdere il focus.
  3. Infine bisogna inserire una call to action chiara. Quando conosci la tua audiene e sai come si comporta, una parte di contenuto può influire sulle sue decisioni più di quanto pensi.

2.- User experience per migliorare la tua strategia

contenuto perfetto per la SEOCreare contenuto considerando una buona esperienza dell’utente equivale a fare del buon SEO.

Quando un utente considera il tuo contenuto, in generale, ne consuma di più. Questa interazione normalmente fa in modo che venga condiviso quindi devi assicurarti di creare un buon contenuto senza dimenticare i piccoli dettagli di grafica.

Il contenuto perfetto per la SEO è quello che si basa sulla UX. E come tale deve avere le seguenti caratteristiche:

  • Deve essere chiaro, semplice e coerente.
  • Deve sorprendere.
  • La credibilità è basilare. Per questo è importante che includa dati reali e faccia riferimento a fonti che possono essere verificate.
  • Emozionale.
  • Interessante.
  • Che generi ispirazione.
  • Educativo.
  • Pertinente.
  • Pratico.

Il contenuto di qualità è quello che:

  1. È scritto per la tua audience ma non per i tuoi colleghi. Cura il linguaggio, evita di utilizzare un gergo troppo tecnico
  2. È quello che può essere letto rapidamente. Cura la struttura. Utilizza paragrafi, titoli, sottotitoli, grassetto, liste, citazioni, ecc.
  3. Utilizza titoli forti e persuasivi che integrino le keywords in maniera naturale.

3.- Analizza le azioni SEO della concorrenza

contenuto perfetto per la SEOPer anticipare la concorrenza, prima di tutto dovrai sapere cosa sta facendo per differenziarti. Quindi devi analizzare le azioni SEO di tutte le attività che possano interessare la tua clientela.

Esistono diversi strumenti per analizzare tutte le azioni che si stanno svolgendo. Cos’ potrai trarre buone conclusioni. Come?

  • Imparando cosa fanno gli altri. Se hanno ottenuto un buon posizionamento stanno lavorando bene. Dai uno sguardo agli aspetti principali nel bene e nel male. Anche chi è posizionato peggio di te può insegnarti qualcosa.
  • Fallo meglio degli altri. Questo è il tuo obiettivo finale. Crescere, attirare traffico, avere più clienti e, in definitiva, ottenere più entrate.

4.- Utilizza le estensioni SEO per Chrome

In casi come questo, in cui serve creare il contenuto perfetto per la SEO, non è male un aiuto. Le estensioni SEO per Chrome sono, in questo caso, una risorsa a cui appoggiarsi.

Dall’analisi del Page Rank fino alla posizione e al valore di ogni parola chiave. Potrai analizzare tutti gli elementi che partecipano al processo di creazione del contenuto perfetto per la SEO.

In definitiva, oltre a facilitarti il lavoro, otterrai migliori risultati con meno costi e più risparmio di tempo.

5.- Crea il contenuto idoneo

Pensi che il contenuto perfetto per la SEO possa permettersi errori ortografici? La grammatica, che tu lo pensi o no, è uno degli indicatori che rende valido e di qualità un contenuto per il posizionamento. Colpisce la UX e quindi la credibilità.

Come anticipato, citare fonti e fare linkbuilding verso altri siti autorevoli ti aiuterà a migliorare la SEO. Quindi segui questi consigli:

  • Correggi sempre e cerca di care in modo che qualcuno revisioni bene i tuoi contenuti prima di lanciarli.
  • Assicurati di linkare a fonti adeguate e di buona reputazione.

6.- Cerca di utilizzare le migliori keywords

 

Hai scelto la tematica in cui vuoi posizionarti e hai verificato le intenzioni degli utenti. Quindi non si tratta di verificare a caso quali keywords sarebbero ideali per ogni contenuto. Si tratta di analizzare come si utilizza questa keyword nel contenuto stesso.

Ovviamente evita la pratica del keyword stuffing.

Google considera che si tratta di un comportamento scorretto perché, in qualche modo, stai obbligando il motore a posizionare un contenuto semplicemente per il numero di parole chiave che include. Senza tenere in considerazione se il contenuto è rilevante o segue le regole SEO in generale.

E anche se può darti buoni risultati all’inizio, se non sai cos’è l keyword stuffing resterai bruciato.

Il contenuto di qualità legato alle keywords deve:

  • Essere proporzionato e non pieno di keywords.
  • Organizzare sotto sezioni tematiche per keywords.
  • Fare un uso naturale delle parole chiave. Utilizza sinonimi per esempio.
  • Includere la keyword nelle immagini e nei titoli. Devi anche includerla nella URL.

7.- Dimenticati i miti sul SEO

Crederci limiterà solo il tuo lavoro, la tua creatività e tutto il processo di ispirazione.

Esistono molte leggende sul mondo del digital marketing. E la cattiva notizia è che la tendenza è darle per sensate. Anche senza sapere se sono vere o no.

Tra tutti questi misteri, si trovano i miti sul SEO che ogni giorno sono sempre di più. E considerando che gli strumenti di marketing e i canali non smettono di evolvere, è facile farsi convincere.

Ovviamente, i miti sul SEO generalmente sono creati da persone che fanno supposizioni equivoche. O responsabili marketing che non considerano i principi basici e le best practices del posizionamento. E come conseguenza ottengono risultati negativi.

Per esempio, per qualche motivo, si tende a pensare che creare un blog migliori magicamente il posizionamento e fortifichi un sito. Ovviamente, come qualsiasi altro canale, il blog necessita di molto lavoro per posizionarsi.

8.- Conosci tutti i tipi di SEO

Potrai creare il contenuto perfetto per la SEO se sai con cosa hai a che fare.

  1. White hat SEO.
  2. Black hat SEO.
  3. Grey hat SEO.
  4. On page.
  5. Off page.

In definitiva, per creare contenuto perfetto per la SEO devi cercare di trasmettere la tua identità.

Mentre rispondi ai commenti e alle richieste sui social o nel blog potrai creare il tuo brand e il tuo stile che ti differenzierà dalla concorrenza. Lavora per interagire al meglio co l’utente e crea il tuo stile di comunicazione. Così lo conoscerai meglio e potrai creare pezzi migliori.

Stabilisci codici, crea relazioni naturali e sii te stesso. Non c’è nulla che piaccia di più di un brand vicino e accessibile. Più ti colleghi con la tua audience, più famigliarizzerai con gli utenti.

Con Coobis potrai creare la tua strategia con influencers, un’altra delle tecniche SEO Off Page che funzionano meglio attualmente. Si tratta di coinvolgere influencers del settore perché attraverso i propri social veicolino messaggi legati al tuo brand ai loro followers.

Utilizza lo strumento di Coobis per farlo. È uno strumento che unisce influencers e brands e aiuta a gestire le collaborazioni. Vuoi provare?