Calendario editoriale per il tuo blog nel 2018

Anno nuovo, vita nuova e calendario editoriale nuovo. Se vuoi che quest’anno sia migliore del precedente, comincia con il pianificare e organizzare tutti i contenuti con i tuoi colleghi.

Un calendario editoriale non è altro che uno strumento per organizzare il tuo lavoro adeguatamente. Attualmente si è trasformato in una risorsa imprescindibile, grazie alla sua digitalizzazione.

Il calendario digitale funziona come un’agenda. Questo facilita l’edizione dei contenuti in qualsiasi momento, come la ricerca di componenti e elementi.

Elementi basilari di un calendario editoriale

In un blog devi considerare alcuni aspetti che ti aiuteranno ad avere una migliore organizzazione dei tuoi articoli. Una volta che hai le idee chiare potrai scegliere gli strumenti che rispondono meglio al flusso di lavoro:

  1. Il tema.
  2. L’obiettivo.
  3. La data di pubblicazione.
  4. I contenuti: infografiche, video, immagini, ebooks, ecc.
  5. Parole chiave o keywords.
  6. Autore.
  7. Piattaforma.

Avere un’idea chiara di tutti gli elementi ti aiuterà a ideare una buona pianificazione e otterrai migliori risultati.

Senza una buona pianificazione il disastro è assicurato

Non puoi cominciare una casa dal tetto ma nemmeno puoi cominciare a scrivere qualcosa se non hai pianificato nulla.

Di fronte a un blog, le situazioni possono essere diverse. Può succedere che ti manchi l’ispirazione e può succedere che tu sia talmente inspirato da creare diversi contenuti in un colpo solo.

Non importa quale sia la situazione. Se cerchi una buona connessione con la tua audience, è fondamentale decretare i temi in anticipo.

Creare un calendario editoriale ti permetterà di avvicinarti di più al tuo pubblico con i contenuti che vuole leggere. Inoltre ti permetterà di preparare i contenuti per tempo.

È importante considerare che i contenuti si possono definire per settimana, mese o anno. Ciò nonostante e prima di qualsiasi incertezza, consigliamo sempre di avere dei contenuti di riserva.

Ricorda che devi sempre anticipare la tua audience quindi tieni tutto pianificato in anticipo. Non ci sono dubbi riguardo alla rilevanza di un calendario editoriale. I vantaggi sono molti. Inoltre avrai a disposizione tutta la tecnologia necessaria per gestirlo rapidamente.

Sono molti i lavoratori che collaborano facendo uso di strumenti condivisi digitali. In questo modo chiunque può creare, editare e pubblicare calendari aggiornando i contenuti.

Principali motivi per cui vale la pena di gestire un calendario editoriale

Se non sei ancora convinto sull’importanza del crere un calendario di marketing aziendale, queste ragioni magari ti faranno cambiare opinione.

1.- Visione chiara del lavoro da organizzare

Un errore è pensare oggi per domani. È vitale pensare a lungo termine senza timore. In questo modo saprai quale strategia seguire o non seguire. Potrai anche avere un’idea dei formati che utilizzerai e il pubblico obiettivo a cui ti dirigerai. Se vuoi raggiungere i tuoi obiettivi devi pensare a lungo termine.

2.- Ottimizzazione delle azioni nella tua strategia

Avere tutto organizzato e ben strutturato ti permetterà di avere una migliore percezione del flusso di lavoro e delle date limite di pubblicazione. Ciò ti permetterà di avere il margine per creare nuovi contenuti e ottimizzarli se necessario. Ovviamente creerai un ambiente di lavoro più efficace con migliori risultati.

3.- Lancio di strategie di migliore qualità

Logicamente se sai cosa pubblicherai le possibilità che le strategie funzionino sono maggiori.

Il fatto di avere il tempo e che più colleghi partecipino ti permetterà di modificare le strategie quando opportuno.

4.- Creazione di valore nell’utente

La generazione di contenuti per un pubblico generalista è una perdita di tempo che ti porterà solo sulla strada sbagliata.

È imprescindibile avere chiaro fin dal principio chi è il tuo pubblico target o la tua buyer persona. Se conosci in anticipo queste persone potrai creare al meglio i tuoi contenuti. Devi considerare che gli utenti non sono interessati sempre alle stesse cose.

Organizzare tutti i post in un calendario, ti permetterà di sapere a chi è diretto ognuno di essi per tempo. Ricorda che devi essere originale nelle tue creazioni e variare. Se ripeti i contenuti costantemente finirai per annoiare la tua audience che abbandonerà il tuo blog.

5.- Supererai la concorrenza

L’ultimo motivo per cui devi creare un calendario editoriale è la concorrenza.

Anticipare la concorrenza ti permetterà di avere un vantaggio competitivo e così potrai ideare strategie in base a ciò che fanno gli altri editori. E anche se può risultare stupido è imprescindibile sapere cosa sta facendo la tua concorrenza.

Se hai una pianificazione per tema, le date di pubblicazione e un pubblico target ben definito avrai molte possibilità di avere successo. E ciò si traduce in visite, conversioni, ottimo SEO e risultati positivi.

Creazione di un calendario editoriale passo passo

1.- Revisione di un calendario precedente

Il primo passo per creare un calendario nuovo è guardare il precedente. In questo caso uno del 2017. È un buon modo per organizzare meglio i tuoi obiettivi.

Sicuramente ogni anno è diverso ma prendere spunto per il nuovo calendario è utile. Puoi fare un comparazione sulle azioni e fare miglioramenti per creare contenuti di qualità e rafforzare l’engagement.

2.- Definizione degli obiettivi

Quando fissi gli obiettivi, la prima cosa da tenere in considerazione è che siano realistici. Altrimenti sarà impossibile raggiungerli. Ricorda l’importanza del fatto che siano obiettivi SMART.

Cerca di fissare mete che puoi raggiungere. L’errore è voler raggiungere tutto dato che l’unica cosa che otterrai è un lavoro mediocre con pessimi risultati.

Ancora una volta, dare uno sguardo al passato, al calendario precedente, ti aiuterà a sapere quali obiettivi fissare.

Per un editore di un blog, gli obiettivi possono essere molto diversi, dall’ottenere più visite e lettori al miglioramento della SEO, dall’ottenere più leads sui social ad una migliore reputazione, fidelizzazione o nuovi utenti.

3.- Definizione del pubblico target

Una volta chiariti gli obiettivi del 2018 è il momento di conoscere meglio i tuoi lettori.

Non a tutti interessano gli stessi temi ed è per questo motivo che devi farti alcune domande prima di lanciare contenuti. In primo luogo, cosa interessa ai tuoi utenti? Cosa visitano su internet= qual è il canale di comunicazione che utilizzano? Sono attivi sui social?

Rispondere a queste domande ti aiuterà a generare contenuti interessanti.

4.- Scegli le date di pubblicazione

L’ultimo passo per creare il tuo calendario è scegliere le date adeguate.

Hai chiari gli obiettivi, il pubblico a cui ti dirigi, ora mancano solo i temi, le parole chiave, gli elementi e la data di pubblicazione.

A questo punto devi considerare le stagioni. Durante l’anno ci sono momenti in cui sarai più tranquillo e in altri meno.

Cerca di pianificare le tue azioni per tempo, pianificando i saldi ad esempio. È lo stesso con il Black Friday o il natale. Così potrai approfittare di tutto il potenziale che offrono le date.

Ovviamente per avere tutto pianificato devi utilizzare uno strumento di qualità. Ne esistono molti come Google Calendar, Google Docs, Evernote, ecc.

Strumenti per la creazione dei calendari editoriali

1.- Google Calendar

Calendario editoriale 2018Google calendar è l’applicazione di calendario editoriale più utilizzato dagli utenti, per la sua semplicità intuitiva. Devi creare solo un nuovo calendario con le persone con cui condividi l’attività e aggiungere nuovi eventi.

La visualizzazione delle informazioni è semplice e condividere contenuti con i tuoi colleghi non è difficile. Quindi è uno strumento ideale che potrai utilizzare per pianificare tutte le tue azioni nel 2018.

2.- Evernote

Calendario editoriale 2018Evernote è un’altra delle applicazioni più richieste dagli utenti. Inoltre è gratuita. Potrai organizzare tutti i contenuti dato che funziona come un’agenda.

Tra le molte funzionalità che ha c’è la possibilità di aggregare contenuti audiovisivi e sincronizzare eventi da ogni dispositivo.

3.- Google Docs

Calendario editoriale 2018Trattandosi di un foglio di calcolo, permette di inserire molte informazioni. Da Gogle Drive potrai accedere a tutti i fogli di calcolo che preferisci dato che sono disponibili da qualsiasi dispositivo.

Una delle differenze con gli altri strumenti è l’edizione collaborativa. In questo modo diverse persone potranno incontrarsi generando e editando contenuto allo stesso tempo. Come risultato tutti i collaboratori vedranno gli ultimi aggiornamenti, lavorando nella medesima direzione. Ciò renderà il lavoro ottimale.

Infine bisogna menzionare una delle applicazioni più consigliate di quest’anno. MDirector è una piattaforma che ha un calendario marketing che ti aiuterà a ottimizzare i risultati.

Questi sono alcuni degli strumenti con cui potrai creare un calendario editoriale interessante. Ma se hai bisogno di aiuto pensa a Coobis.

Una piattaforma di content marketing in cui inserzionisti e editori si uniscono per generare i migliori contenuti, per organizzarli nei migliori calendari e ottenere risultati ottimali per il 2018.

Pianifica e organizza i tuoi contenuti con la migliore directory di media. Registrati ora.