7 tipi di contenuti che attirano visite verso il tuo sito web

Sai come attirare visitatori utilizzando i diversi tipi di contenuti? La prima cosa è conoscere a fondo il pubblico target e l’obiettivo dei tuoi messaggi. Senza un pubblico definito correttamente, difficilmente sarai in grado di creare contenuti che motivano i potenziali visitatori alla lettura.

Se conosci i tuoi utenti, puoi concentrare i tuoi sforzi sulla generazione di diversi tipi di contenuti che risolvono alcune delle tue esigenze. Cosa che ti aiuterà ad attirare nuove visite al tuo sito web.

Quindi una decisione importante riguarda su quale tipo di contenuto scommettere. Esistono varianti molto diverse: post in un blog, ebook, video, webinar, … Nella grafica che guida questo post c’è un elenco di alcuni dei contenuti principali che dovresti considerare per attirare visite verso i tuoi spazi digitali. Non sai quale scegliere? Ti aiutiamo proponendoti 7 tipi di contenuti:

1.- eBook

La prima proposta che può esserti molto utile è quella di offrire un eBook. Quando parliamo di un libro digitale non significa che devi scrivere un libro di 300 pagine. Puoi creare un piccolo dossier di una dozzina di pagine, inserire immagini interessanti e impacchettarlo come PDF.

Gli eBook gratuiti sono una buona risorsa per i tuoi clienti:

  • Innanzitutto perché è un prodotto che offri a costo zero. E piace sempre.
  • Inoltre, è un modo per aumentare la consapevolezza del tuo brand nei tuoi potenziali clienti. Puoi giocare con il download dell’eBook per ottenere dati dai tuoi potenziali clienti. Invece di dare loro l’eBook per nulla, chiedi loro quattro informazioni di base come nome, cognome, indirizzo e-mail e luogo di residenza. Ci saranno quelli che non compileranno il modulo. Ma altri saranno felici se valuteranno che il contenuto dell’eBook è di interesse.
  • Ecco perché devi assicurarti che gli eBook che crei siano davvero interessanti e soddisfino le esigenze dei tuoi clienti. In caso contrario non torneranno sul tuo sito Web.

La cosa interessante è che con i dati ottenuti, è possibile successivamente effettuare campagne di e-mail, per portare gli utenti verso il tuo prodotto o servizio.

Per quanto riguarda un ebook, l’ideale è che il suo formato ricordi quello di un libro di carta. Dovrebbe partire da un titolo interessante e avere diversi capitoli pertinenti adattati a ciascun argomento. Se inserisci elementi grafici o immagini, curali e falli comparire correttamente. Un’immagine pixelata o con filigrana può dare un’immagine negativa del tuo brand.

2.- Video

Quando inizi a riempire il tuo sito Web di contenuti, capirai il potenziale dei video per attirare visitatori. Il contenuto audiovisivo è estremamente efficace per attirare nuovi utenti. Il video è uno dei grandi alleati quando si tratta di attirare visitatori attraverso i contenuti. L’utente deve solo giocare e divertirsi. Non è come un post scritto in cui devi fare lo “sforzo” di leggere.

Quando decidi di cosa parlerai, non essere troppo generalista. Riceverai facilmente visite se prepari tutorial per risolvere un problema specifico. Oppure proponi una soluzione passo dopo passo.

Altri contenuti con cui attirare visitatori si chiamano unboxing. In questo tipo di video un prodotto viene analizzato con una critica a riguardo senza averlo provato. Il passaggio successivo è in genere una revisione del prodotto. È un contenuto che ha molto successo. Sempre più persone sono alla ricerca di opinioni sui prodotti sui social network e attraverso i motori di ricerca.

Quando si tratta della qualità tecnica del video, non impazzire. Devi solo tenere a mente due fattori all’inizio:

  1. Buona illuminazione.
  2. Un fondo adatto.

Scegli un luogo ben illuminato o che possa essere facilmente illuminato con lampade a luce bianca. E scegli uno sfondo che ti ispiri. Ad esempio, senza mascara, Garazi Bidaurrazaga parla di prodotti cosmetici, trucchi ed effettua il cosiddetto unboxing fornendo recensioni.

3.- Infografica

Nella creazione di contenuti per attirare visitatori, avrai notato che negli ultimi anni le infografiche sono molto alla moda. È un tipo di contenuto molto apprezzato non solo dal grande pubblico, ma dagli esperti di qualsiasi materia, dal momento che riassumono i concetti in modo grafico e molto semplice.

Per creare un’infografica che funzioni devi essere sintetico e lavorare sodo per essere visivamente accattivante. Le infografiche suscitano l’interesse degli utenti.

L’infografica può anche essere il complemento perfetto per molti post sul tuo blog. Può anche aiutarti a promuovere i contenuti su diversi social network.

Ciò che è importante è garantire che le dimensioni dell’infografica rispettino alcuni limiti. È preferibile adattare le dimensioni in base all’uso. Per esempio:

Dimensione delle immagini per Facebook:

  • 200 X 628 pixel: per le immagini che carichi sul blog e che poi condividi con il tuo link di Facebook.
  • 200 x 1.200 pixel: per le immagini che condividi su Facebook.

Dimensione dell’immagine per Twitter:

  • Minimo: 220 pixel
  • Massima: 1024 x 512 pixel.

4.- Webinar

Un webinar è un seminario video in diretta. Può essere una conferenza o un seminario che viene trasmesso attraverso la rete. La caratteristica principale di questo contenuto è la sua capacità di interagire tra i partecipanti e il relatore.

A tutti piace imparare cose nuove o migliorare la conoscenza di un argomento specifico. Inoltre, puoi usufruire di uno o più post che hai scritto sul tuo sito Web per il tuo webinar. E viceversa.

Oggi ci sono molti strumenti che ti consentono di realizzare webinar senza dover investire molti soldi. Tra questi ci sono Google Hangouts o Periscope, i più comuni e di maggior successo in questo momento. Ma se vuoi realizzare un webinar professionale, dovresti optare per soluzioni più complete come Webex.

Ovviamente, devi tener conto della necessità di disporre di un team minimo e di lavori precedenti per aiutarti ad avere:

  • Qualità dell’immagine, che puoi ottenere utilizzando una reflex digitale o una fotocamera di qualità compatta.
  • Un microfono che ti garantisce un minimo di qualità, in modo che il tuo messaggio arrivi il più chiaro possibile.
  • Prepara uno script anticipatamente. Non lasciare nulla all’improvvisazione. E pensa alle risposte e alle possibili domande che i partecipanti possono porre al tuo webinar.
  • Funziona anche in post-produzione, con introduzione e chiusura, ad esempio, per personalizzare ulteriormente le comunicazioni e renderle coerenti con l’immagine del brand.

5.- Crea il tuo podcast per attirare visitatori

Proprio come il video può attirare visite al tuo sito Web, anche l’audio può essere il tuo miglior alleato. Un podcast non è altro che un file audio di una certa durata che inserisci sul tuo sito Web o su una piattaforma di podcasting. Assomiglia ai programmi radiofonici tradizionali e ha una periodicità specifica.

Oggi puoi trovare una moltitudine di podcast che trattano innumerevoli argomenti: marketing, cinema, letteratura, robotica, social network … Anche la durata di ciascuno di essi varia molto. Ce ne sono alcuni di soli 10 minuti e altri più lunghi.

Un podcast può essere un modo utile per attirare visite al tuo sito web. Soprattutto perché non è necessario essere seduti davanti a un computer. Puoi scaricarlo sul tuo telefonino o su un lettore mp3.

Tra le diverse piattaforme in cui puoi inserire il tuo podcastt ci sono iVoox, Spreaker, Stitcher o Google Play. A differenza del video, un podcast consente all’ascoltatore di svolgere altre attività mentre ti ascolta.

6.- Il valore di un buon post

Come sei arrivato a questo post? Se la risposta è la ricerca su Google, pensa che i tuoi potenziali lettori ti raggiungeranno allo stesso modo. Se hai digitato “contenuto per attirare visitatori“, perché non fare lo stesso con altri contenuti?

Uno dei problemi principali quando si scrive un blog è sapere cosa scrivere e anche come scriverlo. Potresti essere avvantaggiato da una struttura coerente. Approfittane.

Hai mai pensato di scrivere una post intitolato “Come creare il miglior post”? Può sembrare sciocco, ma se scegli bene le parole chiave e lavori sul SEO puoi posizionare il tuo post molto in alto nella pagina dei risultati di Google.

Dare una soluzione a un problema è una delle chiavi del successo. Un post efficace ha la seguente struttura:

  • Fai una piccola introduzione al problema, al tema da affrontare, alla tua esperienza, ecc …
  • Inizia a guidare li utenti sulla strada giusta, la soluzione.
  • Spiega passo dopo passo come dovrebbero agire per raggiungere il loro obiettivo.
  • Usa un paio di paragrafi per riepilogare i passaggi principali che devi seguire.
  • Usa un paragrafo aggiuntivo per la tua conclusione finale.

7.- Il tuo white paper

“Un white paper è un documento o una guida autorevole che ha l’obiettivo di aiutare i lettori a comprendere un argomento, risolvere o affrontare un problema o prendere una decisione.” È la definizione che troverai su Wikipedia per questo tipo di contenuti, perfetti per attirare visite al tuo sito web.

Pensando al tuo utente, puoi creare un white paper per aiutarlo a prendere decisioni di fronte a qualsiasi problema o necessità.

Inoltre, i white paper sono eccellenti per fornire ai clienti target informazioni gratuite sul proprio prodotto o servizio. Se sai quali sono le sfide che i tuoi clienti devono affrontare, puoi approfittarne. Qualsiasi cosa fornisca soluzioni ha sempre più probabilità di avere successo tra i tuoi lettori e attirare visitatori.

E la cosa interessante è che il white paper, o meglio, le informazioni sulla qualità di ciò che hai creato, possono mutare. Puoi utilizzare le informazioni e i dati per scrivere nuovi post sul tuo blog, creare un webinar, un video o un podcast.

Hai bisogno di contenuti preziosi e non hai le risorse per generarli? Sfrutta il potenziale delle piattaforme di content marketing disponibili per migliaia di professionisti specializzati. Scopri i servizi che puoi sfruttare come brand su Coobis?