14 modi per portare traffico al tuo blog

Le aziende che aggiornano regolarmente i propri blog generano un 67% in più di potenziali clienti rispetto a coloro che non lo fanno. E sai perché? Perché portare traffico al tuo blog è la conseguenza immediata del lavoro e della costanza.

Lo segnala Neil Patel in uno dei suoi articoli.

Con un blog hai l’opportunità di condividere conoscenze, esperienza e casi pratici che servano da esempio alla tua audience. Cosa che indirettamente fidelizza e crea engagement.

In altre parole, più probabilità hai di restare nel top of mind della tua audience obiettivo, più è probabile che si parli di te e si generi traffico verso il tuo blog.

Tra gli obiettivi per cui si utilizzano queste tecniche c’è la possibilità di generare visibilità e, soprattutto, portare traffico verso il tuo blog. E tutto ciò si tradurrà in vendite.

Il content marketing sta prendendo sempre più piede. Il 70% delle aziende ha moltiplicato i propri sforzi e dedica oltre il 32% del suo budget a gestire aspetti come la creazione di un blog.

Ma oltre a tutto ciò, sai come portare traffico al tuo blog?

1.- Dirigi il tuo contenuto verso una audience che abbia modo di condividere il contenuto

portare traffico al tuo blogUno dei primi passi di qualsiasi strategia di content marketing è rilevare per chi si sta scrivendo. Ma oltre a farlo per un pubblico concreto in base a necessità determinate devi farlo pensando alla capacità dell’audience di diffondere le tue informazioni.

La cosa migliore è identificare gruppi che abbiano grandi concentrazioni nei cerchi azzurri e arancioni nel grafico. Ciò migliorerà di molto la possibilità di portare traffico verso il tuo blog.

Ciò non significa che orientare i tuoi contenuti a gruppi meno propensi a condividere sia una decisione terribile. Ma è importante sapere che ridurrai le possibilità che il contenuto si diffonda.

2.- Essere costante ti aiuterà a generare traffico

I dati delle analisi di Lindsay Kolowich chiariscono che le aziende che aggiornano il proprio blog più di 16 volte al mese generano 3,5 volte il traffico di quelle non sono costanti con i propri contenuti.

Quindi, dovresti pianificare i tuoi contenuti e creare un calendario editoriale per seguire una linea univoca. Il principale vantaggio di questo metodo sta nella capacità di aiutarti a seguire un ordine.

La frequenza ideale non esiste ma per portare traffico al tuo blog l’ideale è avere continuità.

Un altro studio segnala che l’82% delle attività che condividono contenuti quotidiani sui propri blog, attirano clienti ogni giorno. E la cosa più probabile è che la tua meta sia ottenere proprio questo risultato.

3.- Partecipa alle comunità in cui si riunisce la tua audience

Per esempio, gli inserzionisti di Madison Avenue hanno speso milioni di dollari per rilevare dove si incontrano i consumatori con determinate caratteristiche, come e dove impegnano il proprio tempo. In questo modo i messaggi sono creati in una maniera specifica.

E lo hanno fatto perché, per esempio, sanno che creare annunci sportivi estremi per un pubblico olter i 65 anni è un investimento inutile. Mentre raggiungere un gruppo demografico maschile tra i 18 e i 30 anni che frequenta la palestra di roccia probabilmente ha un ROI maggiore.

Fortunatamente non hai bisogno di investire denaro per verificare dove si trova il tuo target su internet. È probabile che tu già conosca alcuni blogs, forum, comunità e social dove si pubblicano contenuti in relazione con la tua attività.

Approfitta di questa informazione.

Quando hai rilevato le comunità in cui si riunisce il tuo target, partecipa attivamente.

4.- Assicurati di affrontare questioni realmente importanti per la tua audience potenziale

Anche se sembra una domanda ovvia, se scrivi riguardo a temi che realmente importano alla tua audience, le persone giuste arriveranno fino a te. Ora che sai a chi ti dirigi e sai dove incontrare il tuo target, devi pensare a quale contenuto potrebbe generare traffico.

C’è un ventaglio di tecniche disponibili per ottenere la giusta ispirazione quando crei contenuti. Ma alcune dovrebbero essere considerate sempre.

  • Elabora una lista di possibili temi.
  • Verifica diverse newsletter e fonti interessanti e rileva le idee disponibili.
  • Organizza le idee in un calendario editoriale per avere una visione generale dei post di tutto il mese. Così eviterai di arrivare all’ultimo.

La chiave della SEO sta nel crescere in maniera naturale, la creazione e l’ottimizzazione di un blog è il pezzo del puzzle che manca. E per questo motivo, sapere che ciò che fai è interessante ti aiuterà a posizionarti meglio sui motori. Quindi come conseguenza otterrai traffico verso il tuo blog. Altrimenti non otterrai mai traffico di qualità.

5.- Il tuo sito è realmente ottimizzato?

La grafica e la velocità di caricamento sono vitali per generare traffico verso il tuo blog affinché converta. Soprattutto perché influisce direttamente sul posizionamento nei motori di ricerca.

Se vuoi essere al primo posto su Google e ottenere traffico verso il tuo blog non solo dovrai curare gli aspetti basici ma anche fare attenzione ad ogni dettaglio che interferisca con l’esperienza dell’utente. Google penalizza la lentezza, pensa a AMP.

6.- Il Guest Posting non sbaglia mai

Come succede con diverse tecniche di inbound marketing, se abusi del Guest Posting puoi essere enalizzato da Google.

E anche se questo non significa che non sia una tecnica efficace, devi utilizzarla con moderazione.

Per evitare di essere penalizzato su Google è importante curare il modo in cui realizzi il Guest Posting. La formula è chiara: creare contenuto di qualità che non si focalizzi solo nell’ottenere links. Se lo fai bene, i link arriveranno in autonomia.

7.- Content curation come metodo per portare traffico al tuo blog

Chi cura i contenuti web analizza e filtra informazioni rilevanti riguardo ad un tema specifico che conosce bene per poi condividerlo al fine di migliorare l’esperienza degli utenti. Ma non tutti possono farlo. Se vuoi portare traffico verso il tuo blog con la content curation devi avere i seguenti requisiti:

  • Devi conoscere la tua audience. 
  • Devi conoscere tutto: tendenze, iniziative, novità, ecc.
  • Monitorare le tendenze.
  • Criterio. Un content curator si caratterizza per la sua capacità di distinguere il contenuto di valore da quello che non lo è.
  • Devi partecipare agli eventi, cosa che ti porterà diversi vantaggi.
  • Anche l’intuizione è un requisito, come la curiosità. Soprattutto riguardo ai temi di un settore concreto.

8.- Condividi post nelle liste

Questi contenuti sono molto utilizzati dagli editori. Agli utenti piace trovare esempi concreti riguardo a un tema. Quindi il modo migliore per farlo è utilizzare una lista.

Uno dei vantaggi di questi contenuti è il poco spazio che occupano e la quantità di informazioni che possono includere. Per non parlare dell’interesse degli utenti. Se poi lo condividi con altri puoi fare in modo che più persone commentino e partecipino alla creazione di una lista concreta.

9.- Menziona le tue fonti sui social

Diamo per scontato che tu abbia profili aperti sui canali in cui si muove la tua audience. Devi prestare particolare attenzione a Twitter che è la più grande piattaforma che può portare traffico al tuo blog.

Menzionare altri utenti è una tattica potente. Una semplice menzione farà in modo che la persona menzionata condivida il tuo messaggio con i suoi followers.

È possibile portare traffico al tuo blog fuori dal mondo online?

Considerando che qualsiasi responsabile marketing è in grado di ottimizzare i suoi contenuti per il SEO, conosci le tattiche per verificare la tua audience e sai quali sono i temi principali da trattare?

10.- Porta sempre i tuoi biglietti da visita agli eventi

portare traffico al tuo blogÈ probabile che tu debba partecipare a eventi e fiere legati al tuo settore. E la gente che ti circonda in questi casi avrà a che fare con la tua attività, probabilmente.

Questi incontri sono ideali per condividere esperienze e conoscere gente. Perché non approfittarne per creare contatti?

Ti consigliamo di unire il formato fisico (in questo caso un biglietto da visita) con il formato digitale, un QR code. Crea una presentazione e condividila ovunque vai.

E non avere paura. L’80% degli utenti possiede uno smartphone che, ovviamente, può leggere un QR code. Le persone che hanno ricevuto il tuo biglietto da visita useranno i loro smartphones e sarà più facile accedere al tuo blog o al tuo sito.

11.- I biglietti da visita che raccogli ti aiutano a creare traffico

Ovviamente distribuire i tuoi biglietti da visita ti aprirà molte porte. Ma nel caso tu ne riceva, le possibilità di generare traffico verso il tuo blog o sito aumenteranno.

La cosa migliore da fare, quando ricevi un biglietto da visita, è scrivere alcune note a tergo. Idee relative alla conversazione, di cosa si occupa il tuo interlocutore, ecc. Da questo momento potrai inviargli informazioni relative al tuo blog.

12.- Sai fare networking?

Ricorda che ci sono diverse tecniche per portare traffico al tuo blog in ambito offline. E una delle più importanti consiste nel fare networking.

Recuerda que existen diferentes técnicas para generar tráfico a tu blog fuera del ámbito online. Y una de las más importantes consiste en hacer networking.

Ora che conosci il trucco dei biglietti da visita, dovresti sapere anche come agire in altre situazioni.

Qual è la tua posizione quando vai ad un evento? Conosci gente nuova o ti fermi alla tua zona comfort, con le persone che già conosci?

Devi muoverti, presentarti, stabilire relazioni. Se no a chi pensi di dare il tuo biglietto da visita?

13.- Nutri la tua rete di contatti

Le visite al tuo blog non arrivano da sole. E non otterrai traffico di qualità senza fare nulla.

C’è qualcosa che puoi fare a riguardo?

Uno dei consigli per portare traffico al tuo blog è lavorare duro per alimentare la tua rete di contatti. Soprattutto perché è un investimento sicuro.

Programma delle chiamate, invia email, partecipa a eventi, ecc. devi essere proattivo.

14.- Scommetti sui guest post

I guest post sono una risorsa indispensabile per portare traffico verso il tuo blog. Se hai provato questa tecnica avrai potuto verificare i benefici che apporta, sia a te sia al brand.

Da un lato i bloggers collaborano con i brand e provano i servizi e prodotti in maniera gratuita. Dall’altro i brand ottengono visibilità

Riguardo a questo aspetto, Coobis ti offre diversi servizi e idee per monetizzare il tuo blog. O semplicemente per generare traffico web. Si tratta di una piattaforma creata affinché i media relativi alle diverse tematiche possano ottenere entrate scrivendo e pubblicando contenuti. E per diffonderli sui social.